E’ morto Nicola Arena, boss dell’omonima cosca mafiosa di Isola Capo Rizzuto

L'anziano boss era malato da tempo ed è deceduto in casa la notte scorsa. La Questura ha disposto che i funerali si terranno alle 6 del mattino di domani in forma privata

E’ deceduto all’età di 85 anni Nicola Arena, per lunghi anni a capo dell’omonima cosca mafiosa di Isola Capo Rizzuto, nel Crotonese, che nel tempo aveva esteso il suo potere in gran parte della provincia e anche nel Catanzarese. L’anziano boss era malato da tempo ed è deceduto in casa la notte scorsa. La Questura di Crotone ha disposto che i funerali si terranno alle 6 del mattino di domani in forma privata. Negli scorsi anni la cosca Arena è stata protagonista di una sanguinosa faida con un altro ramo della stessa famiglia e con altri clan della zona, nell’ambito della quale un figlio del boss, Giuseppe Arena, è rimasto vittima di lupara bianca. Il nome di Nicola Arena diviene noto alle forze di polizia già sul finire degli anni Sessanta; all’epoca della prima denuncia per pascolo abusivo aveva appena quindici anni. Qualche anno dopo viene deferito anche per furto e minacce.

Il curriculum si arricchisce negli anni Settanta con le denunce per associazione a delinquere ed estorsione. Nel 1978 viene fermato per tentata strage e detenzione di esplosivi. Finché a maggio del 1993 la magistratura spicca un ordine di cattura nei suoi confronti, nell’ambito dell’operazione Delta portata a termine contro diversi esponenti delle cosche di Isola Capo Rizzuto, con l’accusa di associazione mafiosa, ma a quel punto Nicola Arena decide di darsi alla latitanza; sarà catturato dai carabinieri tre anni più tardi. All’alba del 6 luglio 1996, infatti, i carabinieri del comando provinciale di Crotone sorprendono Nicola Arena in un terreno di sua proprietà in località Meola, su una collina dalla quale si domina la costa tra Marinella e Le Cannelle. Appena poche ore dopo la sua cattura, il Tribunale di Crotone legge la sentenza con la quale lo condanna a 10 anni di reclusione. Ai quali si assommano altri 4 anni di reclusione che nell’ottobre 1998 gli vengono inflitti dalla corte d’appello per una serie di estorsioni ai danni dei villaggi turistici Valtur di Isola Capo Rizzuto e di Simeri Crichi. Nicola Arena, dopo aver espiato la pena, il 7 gennaio del 2010 era tornato in libertà ma aveva iniziato a scontare ai domiciliari un’altra condanna a 6 anni e 10 mesi, per rapina ed estorsione aggravata dal metodo mafioso, fatti che risalgono ad un periodo compreso tra il 1990 e il 1991. Durante la sua detenzione gli sono stati sequestrati e poi confiscati numerosi terreni agricoli e fabbricati che sono stati assegnati al Comune di Isola Capo Rizzuto e affidati a cooperative sociali. L’ultima condanna che lo riguarda è del 2019 quando venne ritenuto colpevole di turbativa d’asta (ma assolto dall’accusa di associazione mafiosa) nel processo Insula nato dall’ipotesi di interferenze nella gestione di alcuni terreni che gli erano stati confiscati.

Il curriculum si arricchisce negli anni Settanta con le denunce per associazione a delinquere ed estorsione. Nel 1978 viene fermato per tentata strage e detenzione di esplosivi. Finché a maggio del 1993 la magistratura spicca un ordine di cattura nei suoi confronti, nell’ambito dell’operazione Delta portata a termine contro diversi esponenti delle cosche di Isola Capo Rizzuto, con l’accusa di associazione mafiosa, ma a quel punto Nicola Arena decide di darsi alla latitanza; sarà catturato dai carabinieri tre anni più tardi. All’alba del 6 luglio 1996, infatti, i carabinieri del comando provinciale di Crotone sorprendono Nicola Arena in un terreno di sua proprietà in località Meola, su una collina dalla quale si domina la costa tra Marinella e Le Cannelle. Appena poche ore dopo la sua cattura, il Tribunale di Crotone legge la sentenza con la quale lo condanna a 10 anni di reclusione. Ai quali si assommano altri 4 anni di reclusione che nell’ottobre 1998 gli vengono inflitti dalla corte d’appello per una serie di estorsioni ai danni dei villaggi turistici Valtur di Isola Capo Rizzuto e di Simeri Crichi. Nicola Arena, dopo aver espiato la pena, il 7 gennaio del 2010 era tornato in libertà ma aveva iniziato a scontare ai domiciliari un’altra condanna a 6 anni e 10 mesi, per rapina ed estorsione aggravata dal metodo mafioso, fatti che risalgono ad un periodo compreso tra il 1990 e il 1991. Durante la sua detenzione gli sono stati sequestrati e poi confiscati numerosi terreni agricoli e fabbricati che sono stati assegnati al Comune di Isola Capo Rizzuto e affidati a cooperative sociali. L’ultima condanna che lo riguarda è del 2019 quando venne ritenuto colpevole di turbativa d’asta (ma assolto dall’accusa di associazione mafiosa) nel processo Insula nato dall’ipotesi di interferenze nella gestione di alcuni terreni che gli erano stati confiscati.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il membro Udc chiede la restituzione del medaglione sacro sottratto dalla chiesa di Bovalino. “Ogni reato deve essere considerato grave”
Il governatore ha partecipato alla Conferenza dei delegati calabresi al congresso del partito svoltasi a Lamezia Terme
L'iniziativa è partita dalla Casa del Popolo Thomas Sankara e ha visto l'adesione di diverse realtà e associazioni cittadine
La struttura, funzionante da 30 anni, custodisce 90 mila volumi e gestisce oltre 2 milioni di schede bibliografiche on line
Già in passato si erano verificati episodi simili ai danni dell’imprenditrice. Coldiretti Calabria: "Un vile atto e un gesto inqualificabile" 
Per l’8 Marzo la città ospita il cartellone "Il senso delle donne”, sostenuto dal Comune in collaborazione con le associazioni del territorio
Il gruppo provinciale per l’Ordine e la sicurezza pubblica si è riunito con la presenza della sottosegretaria all’Interno Wanda Ferro, tra altri
Le segreterie nazionali: “Riduzione preoccupante delle attività. La situazione sta degenerando in tutti i territori interessati, inclusa la Calabria”
Il caso
Dopo la vergognosa guerriglia post-derby le due Questure facciano subito luce su quanto accaduto. Ancora si attendono i Daspo dell’andata
A Lamezia Terme, il segretario generale del sindacato ha partecipato insieme a Roberto Occhiuto a un'iniziativa sullo sviluppo del Mezzogiorno
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved