Eclissi totale, re Sole avrà una super corona 6 volte più grande del suo diametro

Sarà un'occasione da non perdere, anche perché in Italia dovremo attendere altri tre anni per ammirare uno spettacolo simile. Ecco come vederlo

Come un vero re, il Sole indosserà una “corona” d’eccezione per rendere unica l’attesissima eclissi totale che oggi sarà visibile dal Nord America: la sua atmosfera più esterna, la corona solare appunto, “potrà essere 5-6 volte più grande del diametro della stessa stella, a causa della concomitanza col periodo di massima attività solare”, come dice Roberto Ragazzoni, docente di astrofisica all’Università di Padova e neo presidente dell’Istituto Nazionale di Astrofisica. Il fenomeno nel suo massimo splendore si verificherà alle 20,18 (ora italiana). L’oscuramento totale del Sole da alcune località avrà una durata massima di 4 minuti e purtroppo non sarà visibile dall’Italia, ma potrà essere seguita in diretta su diversi canali, come quello del Virtual Telescope Project (VTP) su YouTube a partire dalle 19,00 (ora italiana).

Osservare l’eclissi dal vivo o attraverso le numerose dirette disponibili online sarà un’occasione da non perdere, anche perché in Italia dovremo attendere altri tre anni per ammirare uno spettacolo simile. “Il prossimo appuntamento è per il 2 agosto 2027, quando un’eclissi totale di Sole sarà visibile sopra Lampedusa”, ricorda Ragazzoni. Quella di oggi potrebbe mostrarci la nostra stella in una veste alquanto familiare. Secondo Ryan French, fisico solare del National Solar Observatory a Boulder in Colorado, le protuberanze filamentose della corona si estenderanno non solo dalla regione equatoriale, come nei periodi di minima attività, bensì da tutto il disco solare, diramandosi in ogni direzione proprio come nei disegni dei bambini.

Osservare l’eclissi dal vivo o attraverso le numerose dirette disponibili online sarà un’occasione da non perdere, anche perché in Italia dovremo attendere altri tre anni per ammirare uno spettacolo simile. “Il prossimo appuntamento è per il 2 agosto 2027, quando un’eclissi totale di Sole sarà visibile sopra Lampedusa”, ricorda Ragazzoni. Quella di oggi potrebbe mostrarci la nostra stella in una veste alquanto familiare. Secondo Ryan French, fisico solare del National Solar Observatory a Boulder in Colorado, le protuberanze filamentose della corona si estenderanno non solo dalla regione equatoriale, come nei periodi di minima attività, bensì da tutto il disco solare, diramandosi in ogni direzione proprio come nei disegni dei bambini.

Prevedere la forma della corona solare non è solo un passatempo per ingannare l’attesa dell’eclissi, ma una vera e propria attività di ricerca scientifica. Un team di esperti della Nasa che si occupa di scienza predittiva ha infatti sviluppato un modello computazionale che produce previsioni aggiornate quasi in tempo reale, grazie ai dati relativi al campo magnetico della superficie solare (fotosfera) raccolti dal telescopio spaziale Solar Dynamics Observatory. Il modello, elaborato dal supercomputer Pleiades della Nasa, sarà messo a confronto con le immagini dell’eclissi che verranno scattate lunedì per verificare quanto sappiamo realmente delle dinamiche che muovono il gas elettricamente carico (il cosiddetto plasma) della corona. Conoscere questa parte dell’atmosfera solare è cruciale, perché dà origine al vento e alle tempeste solari che possono influire sulla Terra, determinando fenomeni spettacolari come le aurore boreali ma anche interferenze con il normale funzionamento di satelliti, Gps, comunicazioni radio e reti elettriche.

Gli eclissi più memorabili della storia

L’eclissi sarà un importante banco di prova per le attuali teorie, così come è già accaduto per altre eclissi del passato che hanno segnato la storia della scienza. Una delle più memorabili è stata quella del 29 maggio 1919, che permise di testare la teoria generale della relatività elaborata da Albert Einstein solo pochi anni prima. “Misurando la posizione delle stelle intorno al disco lunare fu possibile dimostrare che l’immensa gravità del Sole piega e distorce la luce in arrivo da stelle più lontane come previsto dalla relatività”, ricorda Ragazzoni. “Fu la vera e propria consacrazione di una teoria che fino ad allora era rimasta confinata in un ristretto ambito scientifico e che oggi invece è alla base di tante tecnologie di uso quotidiano come i Gps”. (ANSA)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved