Calabria7

“Educato e amico di tutti”, Civita piange il 30enne morto in un incidente a Cosenza

Francesco Mattia

Il sindaco di Civita, Alessandro Tocci, l’amministrazione comunale e l’intera comunità di Civita esprimono tutta la loro vicinanza e le più sentite condoglianze alla famiglia Pantuso-Tudda per la dipartita del caro Francesco Mattia, avvenuta ieri pomeriggio a seguito di un incidente stradale (LEGGI) avvenuto in prossimità della piscina di contrada Campagnano a Cosenza, ai confini con Rende. Il giovane era a bordo di una moto di grossa cilindrata che, per cause in corso di accertamento, si è scontrata con una Fiat 500. “La famiglia Pantuso-Tudda, fino a pochi anni fa, ha vissuto nel borgo arbereshe di Civita. Una famiglia a modo, rispettata e benvoluta da tutti. A Civita, Francesco Mattia ha vissuto gli anni della spensieratezza. “Civita piange un suo giovane figlio – si legge ancora -. E’ inconcepibile. Non è accettabile che si possa morire a 30 anni, che una giovane vita possa essere stroncata così tragicamente”, ha affermato il sindaco di Civita.

“Amico di tutti”

“Francesco Mattia – ha aggiunto il primo cittadino – era un ragazzo educato, gioviale, amico di tutti. Nonostante fosse andato via con la famiglia alcuni anni fa da Civita, era solito farvi ritorno, in ogni occasione, soprattutto d’estate. Francesco Mattia amava Civita e Civita lo amava. Qui aveva tanti amici con cui era solito trascorrere indimenticabili serate. Era un ragazzo simpatico, cordiale e disponibile, impossibile non volergli bene. Oggi la comunità di Civita ha perso un figlio. Io, l’amministrazione comunale e l’intera comunità – ha concluso il sindaco Tocci – siamo vicini all’immenso e implacabile dolore del papà Tommaso, della mamma Giovanna, del fratello Biagio e della sorella Tiziana”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Marijuana e materiale per le dosi in auto e in albergo: arrestati a Paola tre 19enni del Comasco

mario meliadò

Acqua, rottura Sorical su condotta Alli-Passante: disagi in zone Catanzaro

Mirko

Calabrese ucciso a colpi di pistola in un’azienda nel Reggiano: arrestato il proprietario

Alessandro De Padova
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content