Calabria7

Elezione del Presidente della Repubblica, fumata nera al terzo scrutinio. Mattarella il più votato

Guerra in Ucraina

Fumata nera al terzo scrutinio per l’elezione del Capo dello Stato. La somma di schede bianche, nulle e singoli voti ai vari candidati esclude che possa essere raggiunto il quorum di 673 voti. Da domani per essere eletti saranno sufficienti 505 voti. Per il terzo scrutinio serviva la maggioranza qualificata dei due terzi dei 1009 aventi diritto cioè 673 voti. Martedì la rosa di tre nomi proposti dal centrodestra è stata bocciata dal centrosinistra. Salvini annuncia: “Incontrerò tutti”.

Tutti i numeri della terza votazione

Rispetto alle due precedenti, però, scende il numero delle schede bianche (412) e contemporaneamente salgono alcuni ‘candidati’, in particolare il capo dello Stato uscente, Sergio Mattarella, che ottiene 125 preferenze, un balzo in avanti notevole rispetto al picco di ieri (39). A ruota segue l’ex deputato di Fratelli d’Italia, Guido Crosetto, a grande sorpresa votato da 114 grandi elettori, ben oltre i 61 di cui dispone il partito di Giorgia Meloni. Anche il candidato degli ex Cinquestelle, Paolo Maddalena, aumenta i consensi a 62, mentre ieri si è fermato a quota 39. Pier Ferdinando Casini, lo tallona con 51 voti entrando nella lista dei cosiddetti ‘papabili’. Poi, vanno comunque registrati anche le 19 preferenze che ottiene il ministro dello Sviluppo economico, il leghista Giancarlo Giorgetti. Al terzo scrutinio hanno partecipato 978 grandi elettori, mentre le schede nulle sono 22 e quelle disperse 84.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Casi Covid in aumento, Occhiuto: “Vaccinati non possono pagare per minoranza”

Mirko

Scivola da sentiero e precipita per 20 metri, muore donna

Mirko

‘Daspo urbano’, Potere al Popolo Catanzaro: “Siamo contro questo regolamento”

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content