Calabria7

Elezioni, la reazione dei catanzaresi dopo il voto (SERVIZIO TV)

di Carmen Mirarchi

Elezioni europee 2019, il Movimento Cinque Stelle è il primo partito a Catanzaro, seguito da Lega, Partito Democratico, Forza Italia e Fratelli d’Italia.

Abbiamo incontrato i cittadini in pieno centro storico per comprendere se il risultato elettorale ha soddisfatto i catanzaresi. In molti ci sembrano convinti che l’affermazione di Salvini possa essere cista come positiva per la città di Catanzaro. “Ma la Lega ha per anni denigrato il  sud come si fa a dimenticare?”  chiediamo. Ci rispondono che “il passato è passato” e che bisogna andare avanti. “Salvini ci può aiutare” dicono. Moltissimi confermano la loro fiducia al Movimento 5 Stelle e a Di Maio e sono convinti che il cambiamento sia in atto.

Tanti i delusi, coloro che pensano che il voto non rispecchi davvero quello che pensano i catanzaresi ed i calabresi, vista la scarsa affluenza al voto. “Ogni paese ha il Governo che si merita” dichiara una signora di origine straniera. “Come può questo voto influire sulla nostra amministrazione comunale, soprattutto per il calo di Forza Italia?”. Alcuni credono che il sindaco dovrebbe prenderne atto. “Dovrebbe solo dimettersi – ci dice un cittadino – ma non lo farà mai”.

Per le strade del corso abbiamo anche incontrato il professor Franco Cimino che ci ha fatto anche una sua analisi del voto.

Insomma l’ottimo risultato della Lega a Catanzaro lascia molti senza parole ma forse è un segnale. Mancano punti di riferimento ed i cittadini di tornata elettorale in tornata elettorale si aggrappano al “capitano” di turno, semplicemente perchè non hanno più principi ed ideologie a cui fare riferimento.

E’ un continuo provare,ricercare, dare una possibilità a questo e a quel partito sperando prima o poi di trovare quello che davvero può fare qualcosa di concreto. E si tornasse agli incontri nei circoli di partito, non solo in campagna elettorale, ma sempre. Se si tornasse a coinvolgere i militanti giorno per giorno e seriamente. Insomma se si tornasse a fare politica impegnata seriamente. Una “vecchia maniera” rivista, più moderna, che coinvolga di più i giovani. Forse riprendere le radici del passato per proiettare un buon modello nel futuro potrebbe essere una proposta.

redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

“Stalking e mobbing in rosa”, corso formativo nella sede OPI di Catanzaro (SERVIZIO TV)

Maurizio Santoro

Boccia: “Il Sud non è una zavorra, ma parte del rilancio del Paese”

Mirko

Garofalo nuovo presidente del Tribunale di Lamezia, gli auguri del Coa di Catanzaro

bruno mirante
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content