Elisoccorso in Calabria, la condanna dell’USB: “Un bando per pochi, forse per pochissimi”

Il sindacato sul bando emanato dall'ASP di Cosenza per il reclutamento di medici e infermieri: "Discriminatorio e incostituzionale"
annegato

L’Unione Sindacale di Base (USB) Calabria esprime una dura condanna nei confronti del recente bando emanato dall’ASP di Cosenza sotto direttiva di “Azienda Zero”, per il reclutamento di medici e infermieri destinati al servizio di elisoccorso regionale HEMS. L’avviso n. 84 del 28/12/2023 ha evidenziato una serie di criticità, secondo quanto riporta l’ente.

“Discriminazioni incostituzionali”

“Discriminazioni incostituzionali”

“In particolare, l’ASP di Cosenza ha perpetrato discriminazioni incostituzionali, instaurando una netta disparità tra il personale sanitario inquadrato con contratti di lavoro ‘atipici’. – scrive l’USB Sanità Calabria in nota – Tale disparità si manifesta nel riconoscimento delle prestazioni svolte con partita IVA, accordato ai medici, ma negato agli infermieri che hanno prestato servizio con contratti atipici come i CoCoCo o le stesse partite IVA. È paradossale notare come l’ASP di Cosenza consenta la partecipazione al bando ai medici che hanno collaborato in regime di contratti ‘flessibili’, mentre la nega agli infermieri che hanno svolto il loro servizio con la medesima tipologia di contratto”.

“Tale pratica, – afferma l’USB – oltre ad essere palesemente incostituzionale, è anche inaccettabile poiché accentua ulteriormente le disuguaglianze tra le diverse figure professionali coinvolte. Inoltre, come USB sottolineiamo la contraddizione nel requisito di esperienza richiesto, dove si impone ai candidati ben 48 mesi di servizio nell’“Emergenza Urgenza”, rendendo tale selezione fortemente più restrittiva rispetto ad altre regioni dove in media vengono richiesti 2 anni di esperienza nella medesima area. Quindi, non solo si penalizzano i professionisti che hanno acquisito esperienza in modo diverso, ma è anche presente un’evidente disparità rispetto agli standard nazionali”.

Inaccettabile la richiesta di corsi obbligatori

Altro elemento considerato inaccettabile dal sindacato è la richiesta di corsi obbligatori ALS, EPALS e PHTC a carico dei candidati. “Questa imposizione finanziaria impedisce a molti professionisti di partecipare al bando, poiché non tutti possono permettersi tali costi. Tali requisiti oltre ad essere profondamente discriminatori da un punto di vista economico, visto che non tutti i lavoratori si possono pagare corsi da migliaia di euro per poi partecipare ad un concorso interno senza avere nemmeno la certezza di essere selezionati, sono anche illegittimi dal punto di vista sindacale, visto che tale formazione come previsto dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, dovrebbe essere a carico dell’azienda e non dei lavoratori.”

“Inoltre, analizzando i bandi provenienti da varie parti d’Italia, – sottolinea – si osserva chiaramente che vengono dettagliati i criteri di valutazione dei titoli, tra cui Master, Laurea Magistrale, pubblicazioni, docenze, corsi di perfezionamento, ecc., con l’assegnazione di un punteggio specifico per ognuno di essi. Mentre, dopo un’attenta esplorazione del bando calabrese, risulta evidente che il concorso emanato dall’ASP di Cosenza si discosta notevolmente da tali standard.”

A differenza degli altri bandi, l’USB afferma “non si individua nemmeno lontanamente la menzione di tali criteri nel bando calabrese, il quale afferma esclusivamente che la graduatoria sarà stilata secondo i seguenti criteri: 1. Minore età, 2. Eventuale servizio già svolto presso servizi di elisoccorso pubblici; 3. Anzianità nel servizio di appartenenza”.

Per tutti questi motivi, l’USB ha presentato una formale diffida sindacale all’ASP di Cosenza e al Dipartimento Tutela della salute della Regione Calabria, richiedendo il ritiro immediato di un bando. “Nel caso in cui non venga adottato tale provvedimento, avvieremo le opportune procedure in sede legale rivendicando prima la sospensione e poi il ritiro del bando attraverso il ricorso in tribunale. Come sindacato insisteremo per una pronta azione volta a correggere le distorsioni evidenti nel bando, garantendo così un processo di selezione equo e trasparente”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
"Ci hanno procurato un danno notevole perché ci costringeranno a ricomprare tutti gli infissi e ci vorranno almeno 80mila euro"
La classifica della Fondazione Gazzetta Amministrativa dei costi sostenuti nel 2022 da Regioni e capoluoghi di Provincia
Ha riportato la rottura del setto nasale. Alla base dell'aggressione ci sarebbero dei futili motivi
Al momento dell'incendio, nell'abitazione c'era il solo proprietario che non ha riportato alcun danno
La giovane, seguita nel percorso dalla professoressa Marinzia Cordiano, ha brillantemente superato le due fasi
Una scelta che ha ricevuto anche il plauso della famiglia Morricone attraverso una lettera firmata da uno dei figli del maestro
I Vigili del Fuoco lo hanno estratto dalle lamiere insieme ad un altro giovane di venti anni che viaggiava con lui
Alessandro Besentini e Francesco Villa si sono distinti per la capacità di intrattenere gli spettatori con alcuni sketches conosciuti in forma ridotta nei loro programmi tv
La Perla del Tirreno si converte alle vacanze di lusso. Lo scorso anno si sono registrate 500mila presenze e, solo dalla tassa di soggiorno, il Comune ha incassato un milione e 150 mila euro
Fine settimana contrassegnato dall'anticiclone africano soprattutto nelle regioni meridionali
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved