Calabria7

“Elogia i boss”, la cantautrice si difende: “Raccontare storie non significa condividerle”

teresa merante

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO – Sono costretta ad intervenire con questa breve comunicazione per difendere la mia persona, prima ancora del mio amato ruolo di cantante folk, dai molteplici attacchi mediatici e minacce di querele che in questi giorni hanno imperversato su tutte le testate nazionali e locali. Improvvisamente, infatti, scopro di essere stata etichettata come cantastorie della malavita, come divinatrice dei boss e al servizio della mafia, per alcuni brani della tradizione calabrese da me rivisitati e pubblicati sui social e sulla mia pagina Youtube.

Ho provato a chiarire le mie intenzioni con un video su Facebook ma ciò non è bastato a placare l’accanimento di quanti avevano già individuato il loro capro espiatorio, poco importando che tutto ciò potesse  provocare,come di fatto è avvenuto, un clima di livore e di minacce nei mei confronti. Non voglio alimentare ulteriori polemiche, ma per amor di verità, sento il bisogno di ribadire alcuni aspetti sui contenuti delle mie interpretazioni musicali. Le canzoni sotto accusa, infatti, derivano da una lunga tradizione folkloristica che spesso si basa su storie di vissuto popolare, anche delinquenziale, di cui ho soltanto riadattato le melodie. Cancellare quel vissuto, a mio avviso, significa dimenticare quanto questa terra abbia sofferto, nel bene e nel male la memoria va sempre custodita.

Non potevo lontanamente immaginare che un testo risalente agli anni ’70 potesse sollevare tutta questa indignazione per una mia semplice reinterpretazione. Quanto alla canzone sul “Capo dei Capi”, di cui ho scritto testo e musica, ho voluto solamente raccontare in note quella che era stata la rappresentazione della famosa fiction televisiva. E qui mi chiedo quale sia la differenza tra le diverse serie tv che hanno avuto e hanno ancora come protagonisti mafiosi e camorristi, trasmesse sulle più importanti reti televisive, e le mie canzoni oggi sotto accusa. Credo siano forme diverse di rappresentare e descrivere un fenomeno criminale, non certo di avallarlo. Le frasi incriminate sono parte di quel racconto, la cruda ricostruzione di uno spaccato della triste storia criminale che ha dilaniato la mia terra e non solo. Ma raccontare non significa condividere o considerare valore ciò che con tutta evidenza non lo è.

Sono innamorata della musica tradizionale da quando ero bambina e da allora non ho mai smesso di ascoltarla e, con il passare degli anni, a provare ad interpretarla. Nel mio percorso di cantastorie ho potuto calcare anche diversi palcoscenici in tutta la Calabria ricevendo affetto e calore per la mia musica. Considerare queste persone, i migliaia di follower che mi seguono sui vari social e me, accomunati dalla passione per la musica popolare, come simpatizzanti della malavita equivarrebbe ad affermare che tutta la Calabria sia malavitosa per il fatto che esista, purtroppo, la ‘ndrangheta sul suo splendido territorio. Accetto le critiche, anche le più aspre, non certo il pregiudizio e la generalizzazione. Non ho mai inneggiato nessuno, se non il mio amore per la musica popolare di cui vado fiera. Non era certo questa la notorietà che sognavo. Se ho commesso degli errori, se ho ferito la sensibilità di qualcuno sono anche disposta a mettere da parte questi brani o i passaggi più controversi, ma non accetterò più passivamente ulteriori minacce ed insulti.

Per questo motivo ho affidato ai legali dello studio Loiero l’incarico di tutelarmi in tutte le sedi che riterranno più opportune, preferendo per il futuro un pacifico silenzio a bellicosi chiacchiericci.

di Teresa Merante

LEGGI ANCHE “Elogia i boss”, il caso della cantante calabrese Merante finisce in Procura

LEGGI ANCHE La calabrese Merante si difende dalle accuse: “Non sono la cantante della malavita”

LEGGI ANCHE Sud Sound System contro la calabrese Merante: “Sfregiata la tradizione per inneggiare ai latitanti”

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Festival Leggere&Scrivere, Soumahoro: “Italiani, lottate per i vostri diritti”

Andrea Marino

Coronavirus: altra vittima in Calabria, è la 100esima

Mirko

Graviano: concepito figlio durante 41 bis. E torna a parlare di Berlusconi

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content