Calabria7

Emergenza ambientale, le proposte di Cambiavento (SERVIZIO TV)

di Carmen Mirarchi

L’ambiente è sempre uno dei temi più sentiti dal Cambiavento che ieri a Catanzaro Lido ha incontrato i cittadini per un confronto. “Un’onda di plastica”, che ci invade e che sta distruggendo il nostro pianeta. Il consiglieri comunale Nicola Fiorita ed il biologo Silvestro Greco hanno discusso ed avanzato proposte con i cittadini.  La prima riflessione è di Fiorita che ha espresso rammarico in merito ai risultati elettorali.
E poi passato al tema ambiente.“Abbiamo portato al Consiglio Comunale una mozione Plastic Free per la limitazione della plastica. Bocciata – ha detto  – da quasi tutta la maggioranza senza motivazione. Catanzaro poteva essere all’avanguardia se vogliamo stare nel futuro. Noi non ci arresi ed abbiamo protocollo altre due mozioni “. Una mozione simbolica che potrebbe diventare concreta per l’allarme ambientale, l’latra è il progetto smoke Free. “Stiamo preparando una mozione in merito all’uso della plastica in spiaggia. Ci scontriamo contro un muro però” ha aggiunto Fiorita.

Il biologo  Silvio Greco con libro  “Un’onda di plastica” ci mette in guardia dalla condizione ambientale. “Abbiamo raddoppiato la CO2 e non è piacevole. In questi anni anche in Italia ci sono stati episodi strani in Italia: tempeste, ghiacci in primavera.  Questo riguarda la plastica che per la sua natura è incorruttibile e non piace neanche a Dio. La microplastica e la nano plastica vanno ovunque. Il problema non è solo in mare. Brutta notizia che il 97 % dell plastica è sul fondo “. Greco nel suo libro spiega Il nostro tempo può essere definito come l’età della plastica». ” Dagli anni ’50 la produzione della plastica caratterizza la nostra vita con 300 milioni di tonnellate ogni anno nel mondo. Di queste, tra i 5 e i 13 milioni di tonnellate arrivano in mare sotto forma di ‘marine litter’ e sono il risultato dell’errata gestione dei rifiuti a terra. La troviamo sulla superficie del mare, sulle spiagge, sul fondo marino, a tutte le latitudini, anche in zone remote come l’Artico. L’emergenza plastica potrebbe provocare un impatto ambientale complessivo più grave degli stessi sversamenti petroliferi”.

Catanzaro con Cambiavento propone delle mozioni per progetto che potrebbero essere un primo passo per la sensibilizzazione di cittadini catanzaresi.

redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Sant’Anna Hospital, Santacroce: “Indagine non penalizzi i lavoratori”

Mirko

“Legge parità di genere, ancora un nulla di fatto del Consiglio regionale”

manfredi

L’appello di Corbelli: “Chiudete le scuole, fermate il massacro di milioni di bimbi”

Maria Teresa Improta
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content