Calabria7

Emergenza Covid, misure più leggere per dicembre e per un Natale quasi “normale”

Una piccola riapertura per riassaggiare per qualche settimana un’apparente “normalità”. Sembra essere questo il piano del Governo in vista delle feste natalizie. L’obiettivo è quello di concedere un po’ più di libertà evitando al tempo stesso quel “liberi tutti” che abbiamo vissuto nei mesi estivi. I dati che arrivano dalle terapie intensive, che negli ultimi giorni hanno subito una frenata significati, lasciando ben sperare che si possa ammorbidire la pressione sugli italiani.

A scuola si torna nel 2021

Ma si tratterà di una apparente “normalità”, perché il Coronavirus ancora tiene sotto pressione le nostre strutture sanitarie, continuando a lasciare il suo terribile segno su questo 2020. E allora, così come voluto dagli esperti del Comitato tecnico scientifico, le scuole dovrebbero continuare a rimanere chiuse fino all’anno nuovo. Il ritorno in classe è rimandato all’anno nuovo.

Un mese di Italia in giallo?

Tra i propositi del Governo sembra esserci quello di mettere, dal prossimo 3 dicembre, tutto il Paese in zona gialla. Quindi, controlli sui comportamenti e limitazioni su spostamenti e locali, ma con misure molto più leggere. Anche i locali oggi chiusi potranno riaprire. Ma c’è da lavorare sulle attuali zone rosse in cui il livello di rischio è ancora troppo alto per consentire un abbassamento della guardia.

Ipotesi sul nuovo Dpcm

– Coprifuoco: l’ipotesi è di spostare l’inizio del coprifuoco alle 23 o a mezzanotte per dicembre, mentre per il periodo dal 24 al 31 dicembre fino all’una;
– Bar e ristoranti: le attività della ristorazione tornano aperte anche la sera, con il limite di sei persone per tavolo. Una regole che dovrebbe essere indicata anche dalle raccomandazioni del prossimo Dpcm per le cene in casa;
– Negozi: per permettere lo shopping natalizio, almeno in una striscia di giorni precedente ai giorni di festa, le attività commerciali potrebbero sfruttare orari di apertura prolungati, fermo restando gli ingressi scaglionati e il rispetto delle regole già in vigore su capienza massima, distanza e igiene;
– Viaggi tra regioni: il periodo natalizio è soprattutto l’occasione per tanti di tornare a casa per rivedere i famigliari. Il tema è ancora discusso, ma la concessione agli spostamenti tra regioni potrebbe avere un’ulteriore spinta se i dati sui contagi dovessero ancora una volta migliorare nella prossima settimana.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Operazione Clone, indagato funzionario della motorizzazione

manfredi

Auto finisce in dirupo, muore una 24enne

manfredi

Scontro furgone-auto, un morto. Feriti gravi in elisoccorso a Catanzaro (VIDEO)

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content