Emergenza Covid, studio conferma “cento morti per miocardite dopo il vaccino”

La nuova ricerca "conferma che il rischio si estende sia ai sieri mRNA che a quelli adenovirus"
miocardite

Nel più ampio studio condotto fino ad oggi sui decessi per miocardite legati alla vaccinazione contro il Covid (Risk of Myocarditis After Sequential Doses of Covid-19 Vaccine and SARS-CoV-2 Infection by Age and Sex), i ricercatori hanno scoperto che 100 persone in Inghilterra sono morte di miocardite subito dopo aver ricevuto un vaccino contro il Coronavirus. Lo si legge in un articolo a firma della giornalista Filomena Fotia.

La ricerca

La ricerca

Lo studio, pubblicato il 22 agosto sulla rivista Circulation dell’American Heart Association, ha rilevato che più della metà (51) dei suddetti decessi si è verificata entro 1-28 giorni dopo aver ricevuto una dose del vaccino AstraZeneca e poco meno della metà (49) dei decessi si è verificato entro 1-28 giorni dopo una dose del vaccino Pfizer-BioNTech. Ricerche precedenti hanno evidenziato il rischio di miocardite fatale associata alla tecnologia mRNA utilizzata nei vaccini Pfizer e Moderna. Questo studio ha dimostrato che la tecnologia utilizzata nel vaccino di AstraZeneca presenta un rischio simile.

Peter McCullough, internista e cardiologo a Dallas, in Texas, in un tweet del 15 settembre ha evidenziato l’importanza del nuovo studio: “Conferma che il rischio di miocardite si estende sia ai vaccini mRNA che ai vaccini adenovirus,” ha dichiarato McCullough a The Defender.

L’associazione tra vaccinazione e miocardite

Un team di 14 ricercatori, guidato da Martina Patone, Ph.D., data scientist presso l’Università di Oxford, ha analizzato i dati di persone di età pari o superiore a 13 anni che sono state vaccinate contro il Covid in Inghilterra tra il 1° dicembre 2020 e 15 dicembre 2021. Gli autori hanno valutato l’associazione tra vaccinazione e miocardite per diverse età e sesso monitorando i ricoveri ospedalieri e i decessi per miocardite per età e sesso e in relazione alle dosi di vaccino. In Inghilterra, i tre vaccini COVID-19 somministrati alle persone in quel momento erano i vaccini Pfizer, Moderna e AstraZeneca. Circa 20 milioni di persone hanno ricevuto il vaccino AstraZeneca, 20 milioni quello Pfizer e poco più di 1 milione quello Moderna.

Nel periodo dello studio, 345 pazienti sono stati ricoverati in ospedale per miocardite entro 1-28 giorni dalla ricezione del vaccino contro il Covid, hanno spiegato gli autori. Tra i ricoverati in ospedale per miocardite che avevano recentemente ricevuto il vaccino AstraZeneca, i ricercatori hanno contato 40 decessi per miocardite da 1 a 28 giorni dopo una prima dose e 11 decessi per miocardite da 1 a 28 giorni dopo una seconda dose. Riguardo coloro che hanno ricevuto il vaccino Pfizer, 22 persone sono morte di miocardite entro 1-28 giorni dalla somministrazione della prima dose, 14 sono morte di miocardite entro 1-28 giorni dalla somministrazione della seconda dose e 13 sono morte di miocardite entro 1-28 giorni dalla somministrazione una terza dose.

Il tasso di incidenza

I ricercatori non hanno riportato casi di miocardite fatale tra coloro che avevano recentemente ricevuto il vaccino Moderna. Tuttavia, quando hanno utilizzato metodi statistici per stimare un “rapporto del tasso di incidenza” per descrivere la frequenza con cui le persone hanno riportato miocardite dopo la vaccinazione, hanno riscontrato un aumento del rischio di sviluppare miocardite in seguito a tutti e tre i tipi di vaccino, specialmente dopo una seconda dose del vaccino Moderna.

Dopo una seconda dose del vaccino Moderna, hanno affermato, il rapporto di rischio aumentato per lo sviluppo di miocardite era 11,76. Gli uomini sotto i 40 anni, come gruppo, hanno mostrato un aumentato rischio di miocardite dopo tutti e tre i tipi di vaccino. Dopo la prima dose del vaccino Pfizer, il rapporto di rischio aumentato per gli uomini sotto i 40 anni era 1,85.

È aumentato a 1,93 dopo la seconda dose ed era 1,89 dopo la terza dose. Allo stesso modo, i ricercatori hanno riportato un elevato rapporto di rischio aumentato di 3,06 dopo la prima dose del vaccino Moderna per gli uomini sotto i 40 anni. Il rischio è salito a 16,83 dopo un seconda dose. Dopo una terza dose, il rapporto di rischio aumentato era 3,57. Tra gli uomini sotto i 40 anni che hanno ricevuto il vaccino AstraZeneca, l’aumento del rischio di miocardite dopo la prima dose era 1,33 e dopo la seconda dose era 1,26. Il team ha affermato che i loro risultati consentiranno “una discussione informata sul rischio di miocardite associata al vaccino“.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved