Calabria7

Emergenza Covid, Torti: “Posti letto quasi finiti al Policlinico Mater Domini”

“La pressione sul sistema sanitario è ancora piuttosto elevata”. È quanto afferma il direttore di Malattie Infettive del Policlinico Mater Domini di Catanzaro, Carlo Torti, spiegando come “in tutta la Calabria fino a ieri c’erano 290 pazienti” ricoverati per Covid. E nello specifico parla della struttura che dirige. “Noi abbiamo un reparto di 30 posti letto – spiega – di cui 11 di terapia subintensiva. A oggi 26 pazienti sono ricoverati e altri 2 sono in attesa di ricovero”. In parole povere, a Catanzaro, nel Policlinico di Germaneto, restano solo 2 posti disponibili. A riprova di quanto “il sistema sia piuttosto stressato”. Le cause possono essere molteplici ma Torti è sicuro che “stiamo pagando di tutti quei focolai che si sono verificati durante le feste”.

Anche sul fronte dei vaccini, il direttore è molto critico: “In Calabria per fortuna ieri si è superata la soglia del 50% di somministrazioni ma c’è ancora molto da fare”.

Per Torti le difficoltà, in generale, sono da ricercare nella gestione della Sanità: “Credo che manchi prima di tutto un’organizzazione migliore di percorsi. I pazienti devono arrivare in centri dove sia presente una rianimazione perché sono pazienti che possono aggravarsi anche piuttosto rapidamente”. E cosa ancora più importante, a sentire il direttore di Malattie Infettive del Policlinico Mater Domini di Catanzaro, è la gestione delle risorse umane. “Il personale dovrebbe essere stabilizzato – sottolinea – e ci dovrebbe essere una maggiore valorizzazione della componente umana del sistema sanitario. Cosa che purtroppo oggi non avviene con contratti che sono di tipo collaborazione continuativa, molto precari, e poco motivanti per il personale già stanco”. Infine l’appello: “La Regione deve sentire i tecnici del settore e quindi ristrutturare tutta la rete”. (g.b.)

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Travolta da auto a Cuneo, morta studentessa calabrese

Matteo Brancati

Call center Abramo all’asta: nessun acquirente, 3mila lavoratori calabresi a rischio

Maria Teresa Improta

Sanità, lavoro e scuola: sindacati presentano piattaforma ai vescovi calabresi

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content