Calabria7

“Emergenza rifiuti a Crotone, non svenderemo il territorio”

“Quando, qualche settimana fa, pronunciando un “No” secco ed opponendomi alla proposta dell’ampliamento della discarica di Columbra formulata dai presidenti dell’Ato delle altre province calabresi, lasciando il tavolo regionale convocato per l’occasione, avevo ben chiaro che quella proposta avrebbe potuto trasformare Crotone nella pattumiera della Calabria”. E’ quanto si legge in una nota di Ugo Pugliese, Sindaco di Crotone. “Ed avevo ben chiaro che la situazione, nel breve termine, sarebbe esplosa in tutta la sua gravità in tutto il territorio regionale. Ho agito ed ho continuato ad agire nella consapevolezza che non è più tollerabile che il conferimento indiscriminato proveniente da ogni dove metta in tilt il sistema nella nostra città e produca le situazioni si sono verificate nei giorni scorsi” aggiunge il primo cittadino.

“Questa consapevolezza e questa fermezza di intenti ha riportato un ulteriore risultato che consentirà nello spazio di qualche giorno il ritorno alla normalità. Attraverso il dialogo con la Regione Calabria abbiamo ottenuto che presso l’impianto di Ponticelli, nei prossimi giorni, possa conferire, per la gran parte la città e la provincia di Crotone mentre i rifiuti di altre provincie saranno dirottati presso altri impianti della Calabria. Avevo chiara ed ho chiari tutti gli altri ulteriori passi che saranno compiuti successivamente. Come sempre, mentre il sindaco lavora ai problemi – scrive – che, tra l’altro investono non solo la città ma hanno una visione regionale, emergono le solite “maestrine” ed i soliti “solisti del sacchetto” che con la proverbiale mancanza di conoscenza di qualsiasi problematica la cavalcano per sterile strumentalizzazione politica”.

“Qualche parlamentare e qualche consigliere di opposizione, ancora una volta, dopo la “balla” dell’inquinamento delle nostre acque, agitano il “sacchetto” a mo’ di sciabola ritenendo che la conquista di qualche like sulla propria pagina social consenta loro di ergersi ad esperti della situazione. Non conoscono i problemi, disconoscono il lavoro che si compie, mancano di serietà e di argomentazioni politiche. Incantatori di serpenti! L’era delle chiacchiere è finito come l’era delle bacchette magiche! Ormai non incantano neppure loro stessi. Ad ogni modo- precisa – se hanno la soluzione dei problemi per il problema dei rifiuti che lo comunichino. Saremo ben felici di far confluire tutti i rifiuti, per lo smaltimento, al loro domicilio”.

“Questa è la realtà di chi è abituato solo a smanettare sui social o forse il governo che ci han “ben” rappresentato fino ad oggi ha trovato qualche soluzione al problema rifiuti. Allora miei cari tacete e riconquistare un po’ di dignità se ve n’è rimasta. Noi, viceversa, continuiamo a lavorare con serietà e tenendo sempre presenti gli interessi della comunità cittadina. Lo abbiamo fatto e continueremo a farlo nei prossimi giorni. Sappiamo – conclude – che sarà una battaglia dura che lascerà qualche sacchetto in giro ma non svendiamo la dignità del popolo pitagorico per conquistare qualche like”.

redazione Calabria 7

Articoli Correlati

Mellea (CasaPound): passano gli anni, ma il 118 è sempre carente

manfredi

Mellea (CasaPound): “Elezioni europee, fuori dall’Ue e dall’euro”

Matteo Brancati

Costanzo: “Tallini, capo di un esercito senza bandiera e senza speranza”

manfredi