Calabria7

Ennesima aggressione ai poliziotti della Polfer di Lamezia, il Coisp: “Pronti ad alzare le barricate”

“Non abbiamo più parole per esprimere la nostra rabbia e indignazione per l’ennesima aggressione posta in essere dall’ennesimo cittadino extracomunitario registrata in danno di due poliziotti della Polfer di Lamezia terme, seconda aggressione avvenuta a distanza di pochi giorni da quella di giorno 8 ottobre”.

“Dai poliziotti grande professionalità e senso del dovere”

La denuncia arriva dal Coisp di Catanzaro. “Questa volta – prosegue il sindacato di polizia – a farne le spese un’altra pattuglia verso la quale manifestiamo tutta la nostra solidarietà, colleghi che benché feriti sono riusciti grazie alla loro professionalità al senso del dovere e all’aiuto impeccabile dei colleghi della volante ad assicurare alla giustizia l’aggressore, cosa che certamente la specialità polizia ferroviaria ben rappresentata dal dirigente superiore Vincenzo Macri considererà per promuovere i colleghi per eventuali riconoscimenti premiali”.

“Il morale dei poliziotti della Polfer non è certo alle stelle”

Fatta questa premessa, il sindaco fa sapere che “il morale dei poliziotti della Polfer cosi come anche del Commissariato lametino, non è certo alle stelle; gli organici hanno raggiunto vacanze che sono voragini cosa che li espone a continui rischi per la loro incolumità e le aggressioni riportate ne sono purtroppo una triste conferma, non è possibile lasciare due unita per presenziare una stazione importante com’è quella di Lamezia dove tra l’altro ogni giorno si aggiungono decine e decine di soggetti immigrati rilasciati dal Centro di Isola Capo Rizzuto che transitano e stazionano in attesa di salire su treni diretti verso il nord Italia, nella stazione di Lamezia cosi come avviene anche alla stazione precedente di Catanzaro lido, e che di fatto porta il personale di questa specialità  ad espletare costantemente servizio di ordine pubblico senza nessuna indennità cosa che chiediamo con forza, e senza un organico adeguato e proporzionato  alla folla da gestire.

Problemi anche a Lamezia

Per il sindacato gli stessi problemi si registrano al Commissariato di Lamezia, “dove il controllo del territorio di tutto il comprensorio è affidato ad una sola volante, dove l’ufficio immigrazione opera in una situazione da ospedale da campo e dove i colleghi di ogni articolazioni sono costretti ad espletare i più disparati servizi per tamponare le varie emergenze perché le vacanze organiche sono divenute incolmabili”.

In programma una manifestazione davanti la Polfer di Lamezia

Per queste ragioni, il Coisp dice “basta” e venerdì 29 ottobre manifesterà con le proprie bandiere davanti la Polfer di Lamezia Terme e successivamente davanti il Commissariato “per difendere i diritti e la dignità dei poliziotti lametini. Nel concludere lanciamo un appello ai politici calabresi di ogni schieramento politico affinché si battano con noi per colmare le vacanze di organico della Polfer e del Commissariato di polizia di Lamezia Terme, e li invitiamo a scendere in piazza con noi condividendo e sostenendo la nostra battaglia, appello che lanciamo a tutti i cittadini lametini e alle associazioni di categoria che hanno a cuore la sicurezza di questa area cosi importante e strategica per la nostra regione”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Operazione “Amici in Comune”, ai domiciliari il sindaco di Praia a Mare

Damiana Riverso

La protesta del settore benessere a Reggio Calabria: “Il Covid ci ha messo in ginocchio”

Damiana Riverso

A Lamezia la presentazione di “Non spegnere la Luna”

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content