Calabria7

Accusato di lesioni ed estorsione: scagionato carabiniere nel Cosentino

È stato cagionato da tutte le accuse un appuntato scelto dei carabinieri, difeso dall’avvocato Francesco Nicoletti, nei cui confronti era stata sporta una denuncia per lesioni, abuso d’ufficio ed estorsione.

La vicenda

La vicenda trae origine da un episodio verificatosi nel settembre 2018 quando un noto imprenditore del Cosentino non si era fermato all’alt intimato da una pattuglia dei carabinieri lungo la strada statale 106. Da qui l’inseguimento da parte dei militari che si era protratto per qualche chilometro finché il conducente, immessosi in una strada sterrata e senza via d’uscita, fu costretto ad arrestare la marcia del veicolo. Secondo la versione dell’imprenditore, che si trovava in auto con un proprio dipendente, a questo punto si sarebbe verificata una vera e propria aggressione da parte dell’appuntato scelto dei carabinieri, per come riferito nella dettagliata denuncia sporta indicando anche diversi testimoni. Nello specifico, l’uomo sosteneva di essersi qualificato come imprenditore e di aver nell’immediatezza giustificato la fuga riferendo di non essersi accorto dell’inseguimento per il notevole traffico in corso in quel momento sulla strada statale 106 e che, nonostante ciò, il carabiniere aveva aperto lo sportello puntandogli la pistola alla tempia e ingiuriandolo. Non solo. Secondo il racconto dell’imprenditore, l’appuntato scelto gli avrebbe poi sferrato due pugni e lo avrebbe scaraventato a terra prima che venisse ammanettato nonostante l’uomo riferisse di sentirsi male e di temere l’insorgere di un infarto.

Le indagini

Dalla denuncia aveva preso il via una scrupolosa e approfondita attività d’indagine con l’audizione di tutti i testi presenti al momento dei fatti, indicati dallo stesso imprenditore. All’esito di tale attività il Pubblico Ministero procedente formulava richiesta d’archiviazione alla quale l’imprenditore si opponeva con una articolata richiesta. Dinanzi al gip presso il Tribunale di Castrovillari si è quindi celebrata l’udienza camerale nel corso della quale l’imprenditore, rappresentato da proprio difensore di fiducia, ha chiesto l’accoglimento della propria opposizione ribadendo la colpevolezza dell’appuntato scelto. Il pm ha insistito nella richiesta di archiviazione e l’avvocato Francesco Nicoletti ha sostenuto l’assoluta infondatezza delle accuse mosse al proprio assistito depositando una articolata memoria difensiva nonché una consulenza di parte volta a dimostrare l’assoluta falsità di quanto denunciato. Il gip presso il Tribunale di Castrovillari, in totale accoglimento delle richieste formulate sia dal pm sia dall’avvocato Francesco Nicoletti, ha rigettato l’opposizione disponendo l’immediata archiviazione del procedimento a carico del carabiniere.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Covid free un altro Comune cosentino: positivi solo in 19

Francesco Cangemi

Lezione di Gratteri all’Unical: “Come le mafie approfittano della crisi del Covid”

Giovanni Bevacqua

Smaltimento illecito di rifiuti nel Cosentino, denunciato proprietario di un’officina

bruno mirante
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content