Estorsione ai danni di un avvocato in politica, arrestato figlio del boss Nirta

L’avvocato minacciato è un consigliere comunale rieletto domenica scorsa in una lista di centrodestra con 384 voti

Secondo quanto si è appreso, Gian Luca Nirta era stato arrestato già dal 3 maggio scorso, ma per motivi di sicurezza nei confronti della vittima della sua presunta richiesta estorsiva, la notizia era rimasta segretata. Nel mirino del boss sanluchese, come si apprende, era finito l’avvocato Domenico ‘Micky’ Maio, già presidente del Consiglio comunale di Locri, consigliere comunale rieletto domenica scorsa in una lista di centrodestra con 384 voti di preferenza, che ha denunciato Nirta alla Procura della Repubblica per avergli intimato la richiesta di un milione di euro, pena gravi ritorsioni, fatto avvenuto anche in presenza di Pasquale Barbaro, latitante, genero di Gian Luca Nirta. La vicenda sarebbe scaturita dagli esiti di un risarcimento giudiziario civilistico di cui è stato beneficiario un parente di Nirta, scomparso tragicamente.

Gian Luca Nirta figlio del boss morto in carcere

Gian Luca Nirta figlio del boss morto in carcere

Gian Luca Nirta è figlio del defunto boss Giuseppe ‘u versu’, deceduto nel febbraio di quest’anno nel carcere di Parma dov’era ristretto al 41bis, e in passato condannato per il sequestro del ‘re delle pellicce’, Giuliano Ravizza, avvenuto nell’ottobre del 1981, imprenditore lombardo rilasciato dopo tre mesi di prigionia in Aspromonte dietro pagamento di quattro miliardi di vecchie lire. Era riuscito a schivare il mandato d’arresto chiesto dalla Procura distrettuale antimafia di Reggio Calabria, e adesso, confermano fonti investigative, si trova ristretto nel carcere di Ancona per il reato di estorsione aggravata dal metodo mafioso nei confronti di un noto penalista di Locri.

La scia di sangue che porta a Duisburg

Protagonista della vicenda è Gian Luca Nirta, uno dei capibastone della ‘ndrangheta di San Luca in Aspromonte, coinvolto nell’operazione ‘Fehida’, coordinata dall’allora Procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Nicola Gratteri, scaturita dalle indagini dopo l’omicidio della moglie, Maria Strangio, avvenuto a San Luca il giorno di Natale del 2006, omicidio che ebbe come risposta la cosiddetta ‘strage di Duisburg’ del 15 agosto del 2007, quando un commando di ndrangheta guidato da Giovanni Strangio, uccise sei persone originarie di San Luca in Aspromonte dinanzi ad un ristorante, ritenute affiliate alle cosche rivali dei Pelle-Vottari, per vendicare la morte della sorella.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L’iniziativa dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, Consiglio Regionale della Calabria, per la 17ª Giornata Nazionale del Braille
“Le loro minacce non ci fermeranno”, ribadiscono fonti della Lega sull'inchiesta aperta a Roma dopo un esposto presentato da Bonelli, Schlein e Fratoianni
Nell’ultimo fine settimana, altri due gravi episodi si sono registrati a danno sia di strutture pubbliche che private
"Siamo ansiosi di ascoltare le sue riflessioni. E davvero lieti ed emozionati di ricevere il suo sostegno", ha detto il candidato a sindaco
L'ateneo: "Si tratta di una straordinaria opportunità per chi vuole accedere alla carriera dell’insegnamento"
La società è entrata in disequilibrio finanziario dal 2016 per la crisi del settore abitativo e per la difficoltà nel concretizzare una lottizzazione nel territorio di Catanzaro
È stato pubblicato l’avviso per procedere alla formazione di una long list per l’individuazione degli incarichi
Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, che hanno provveduto a spegnere le fiamme, e il personale Anas
La decisione dopo un esposto presentato da Partito democratico, Sinistra italiana e Avs
Da protagonista del mondo street-urban è diventato in poco tempo icona, punkrocker, popstar, capace di scardinare ogni stereotipo di genere
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved