Calabria7

Estorsione con metodo mafioso, 3 anni e 6 mesi di reclusione a un ultrà dell’Inter

È stato condannato a 3 anni e 6 mesi di carcere per tentata estorsione aggravata dalle modalità mafiose Domenico Bosa, detto “Mimmo Hammer”, ultrà della curva interista, ritenuto uno dei capi del movimento neonazista milanese “Hammerskin”. Lo ha deciso il gup di Milano Guido Salvini nel processo con rito abbreviato che ha portato anche ad altre tre condanne fino a 4 anni.

Bosa, 53 anni, era finito in carcere nel gennaio dello scorso anno in una maxi operazione della Guardia di finanza che aveva portato ad altri 17 arresti, su ordinanza del gip Livio Cristofano e su richiesta dei pm Sara Ombra e Gianluca Prisco, su una presunta maxi frode fiscale da 160 milioni di euro nel settore delle telecomunicazioni e in particolare “nella tecnologia Voip”. E su una presunta associazione per delinquere, finalizzata anche a reati di usura, con a capo Alessandro Magnozzi (a processo con rito ordinario) e legata al clan della ‘ndrangheta calabrese, radicato anche a Milano, dei Bruzzaniti, inserito nella “cosca dei Morabito-Palamara-Bruzzaniti”. Bosa, in particolare, legato, stando alle indagini, alla “famiglia Pompeo” di Bruzzano, nel Milanese, con altre tre persone, tra cui Magnozzi, nel 2018 avrebbe tentato di costringere un imprenditore “a consegnare” al gruppo “la somma di euro 70-80 mila euro non riuscendo nell’intento”.

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Nuovo colpo alle cosche Arena e Mannolo nel Crotonese, arresti e sequestri

Mimmo Famularo

Cinema, dal 10 al 21 giugno la rassegna “CinemAmbulante”

Matteo Brancati

“Il Borgo dei Borghi”, questa sera sarà svelata la classifica finale: Tropea sogna la vittoria

bruno mirante
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content