Estorsioni e lesioni, assolto professionista calabrese vittima di un raggiro

Recatosi ad un appuntamento durante il quale avrebbe dovuto tornare in possesso del denaro dato a un amico ha trovato le forze dell'ordine
'ndrangheta in veneto

Una storia paradossale, che potrebbe essere trama letteraria di un perfetto assurdo kafkiano, ed è invece realtà, quella capitata ad un noto professionista di Corigliano Rossano operante nel settore del design e dell’architettura, il 60enne A.N. – difeso dagli avvocati Ettore Zagarese e Paola Napolitano – che da vittima di un raggiro si è ritrovato imputato per estorsione e lesioni. Vicenda conclusasi nel migliore dei modi, con una assoluzione per insussistenza del reato. L’uomo, da vittima di un raggiro, si era trovato imputato per estorsione e lesioni tanto da essere arrestato venendo prima portato dinanzi al GIP del Tribunale di Castrovillari, che però non convalidava la misura e di poi dinanzi al medesimo Tribunale che, in accoglimento delle tesi difensive, pronunciava sentenza di assoluzione per insussistenza del reato.

I fatti

La storia risale a qualche anno fa quando il professionista veniva contattato da un suo vecchio amico che gli proponeva alcuni investimenti di natura economica in campo medico. Accettata l’offerta con entusiasmo, l’uomo,  inizia a notare che con il passare del tempo, le somme impegnate non solo non venivano restituite, ma anzi l’amico iniziava con varie scuse a posticipare la restituzione delle stesse, preventivamente accordata e condivisa, sino a quando, recatosi ad un appuntamento durante il quale avrebbe dovuto tornare in possesso, almeno in parte di quanto gli era dovuto, si ritrova all’improvviso da truffato a truffatore, trovando sul posto le Forze dell’Ordine, che lo traevano in arresto. Allibito e sgomento, scopre solo in un secondo momento, tramite i suoi legali che, nel frangente, era stato denunciato dal debitore in quanto presunto estortore.

Il processo

L’intero processo si è articolato in una lunga e complessa istruttoria, con l’audizione di diversi testimoni e l’acquisizione di una grossa mole di documenti messa a disposizione della difesa a dimostrazione non era stata perpetrata nessuna estorsione ma che era il professionista ad essere stato danneggiato. Tesi sostenuta dagli avvocati Ettore Zagarese e Paola Napolitano nel corso delle loro arringhe conclusive e condivisa dal Tribunale che ha assolto con formula piena A.N. dal reato imputatogli.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
LA SENTENZA
La Corte di appello di Catanzaro ha riformato la sentenza di primo grado nei confronti dell'imputato accusato di maltrattamenti e lesioni
Il giovane di 22 anni, di Bologna, ridotto in fin di vita l'11 agosto del 2022 nella città pitagorica dove si trovava in vacanza
"Sarà per tutti l’occasione per rivivere storie e le leggende legate ad uno dei luoghi più attrattivi della città"
Giusy Orlando, prima dell’arrivo nel Capoluogo per partecipare all’udienza aveva auspicato la presenza di un rappresentante del Comune
Chiamati a raccolta in città i catanzaresi che non potranno seguire la loro squadra del cuore in trasferta
La donna aveva trascinato l'ex coniuge in tribunale perché non pagava gli alimenti . Ottenuti i danni morali
A renderlo noto è il sottosegretario all’Interno Wanda Ferro. Per altre importanti chiese si stanno valutando altre fonti di finanziamento
"La partita di sabato prossimo sarà un’altra occasione per confermare il meraviglioso percorso realizzato da Vivarini, Iemmello e compagni"
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved