Elezioni europee, Filomena Greco: “Impresentabile? Sono e resterò donna che combatte i clan”

Candidata all'Europarlamento è stata inserita dalla Commissione parlamentare nella lista dei cosiddetti "impresentabili"

“A causa di un procedimento penale di primo grado, relativo a fatti ormai prescritti e ai quali sono completamente estranea, mi ritrovo nella lista dei cosiddetti ‘impresentabili’ della Commissione parlamentare antimafia. Proprio io, che da sindaco di frontiera ho fatto della lotta ai clan una bandiera, mi ritrovo ora additata per un abbaglio o una becera vendetta politica”. E’ quanto afferma in una nota Filomena Greco, la candidata calabrese al Parlamento europeo con la lista Stati Uniti d’Europa.

“Chi decide – aggiunge – dovrebbe conoscere bene i fatti, altrimenti arreca danni ingiusti a una donna che è stata indicata negli atti della Procura antimafia di Catanzaro, come ‘Sindaco che combatte i clan’. Titolo riportato anche su diverse testate nazionali come Repubblica. Sono stata coinvolta in un’incredibile vicenda giudiziaria solo perché ho rinunciato di mia iniziativa alla prescrizione. L’ho fatto perché voglio che emerga con evidenza la mia totale e completa innocenza. Presso il Tribunale di Castrovillari, nei miei confronti, nella mia qualità di sindaco dell’epoca, è iniziato un processo per ‘turbata libertà di scelta del contraente’, fatti datati 2016. Appena insediata, ho doverosamente rescisso il contratto per la raccolta dei rifiuti con una società colpita da interdittiva antimafia, scelta pienamente condivisa dal Prefetto. Mi aspettavo un applauso istituzionale e non l’inserimento in una lista di impresentabili”.

“Chi decide – aggiunge – dovrebbe conoscere bene i fatti, altrimenti arreca danni ingiusti a una donna che è stata indicata negli atti della Procura antimafia di Catanzaro, come ‘Sindaco che combatte i clan’. Titolo riportato anche su diverse testate nazionali come Repubblica. Sono stata coinvolta in un’incredibile vicenda giudiziaria solo perché ho rinunciato di mia iniziativa alla prescrizione. L’ho fatto perché voglio che emerga con evidenza la mia totale e completa innocenza. Presso il Tribunale di Castrovillari, nei miei confronti, nella mia qualità di sindaco dell’epoca, è iniziato un processo per ‘turbata libertà di scelta del contraente’, fatti datati 2016. Appena insediata, ho doverosamente rescisso il contratto per la raccolta dei rifiuti con una società colpita da interdittiva antimafia, scelta pienamente condivisa dal Prefetto. Mi aspettavo un applauso istituzionale e non l’inserimento in una lista di impresentabili”.

Italia Viva – il partito che l’ha candidata nelle liste degli Stati Uniti d’Europa – ha già ribadito con una nota stampa ufficiale piena fiducia in Filomena Greco che si è detta “serena, per quanto amareggiata”: “Non sarà un veleno di palazzo, peraltro con l’uso di una nobile commissione parlamentare come quella Antimafia, a fermarmi. La mia campagna va avanti più decisa di prima, forte delle mie battaglie da Sindaco contro il malaffare e per il riscatto del Sud. E lo farò con il sostegno dei tantissimi cittadini e cittadine del sud, la cui fiducia sento più forte che mai”.

LEGGI ANCHE | Europee, Commissione Antimafia: sette i candidati ‘impresentabili’. Una è calabrese

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved