Calabria7

Ex compagno la violenta e poi le “ruba” la figlia: la lotta di una madre

Il legale della madre farà ricorso al tribunale per i minorenni. “La bambina vive ora con il padre violento denunciato per tentato omicidio, è un paradosso”

Da tre mesi non può vedere la figlioletta, affidata ai genitori del suo ex compagno, da lei denunciato per le violenze subite nel corso degli anni. Prima in Emilia, poi in Calabria, dove si è nel frattempo trasferita.

E’ la situazione di una giovane donna resa nota dal suo avvocato, Massimo Bambara, che presenterà un ricorso al tribunale per i minorenni di Catanzaro per ottenere l’affidamento esclusivo della bimba, due anni, e ha denunciato, oltre all’ex, anche un’assistente sociale del servizio competente per abuso di potere e ‘complicità’ con i nonni paterni nell’escluderla dalle relazioni con la figlia.

“Ci troviamo di fronte a un caso tristemente emblematico – dice l’avvocato Bambara – con una donna che ha subito violenza, ripetutamente.

Nonostante ciò, non è stata messa in protezione dal servizio sociale, di cui contestiamo la gestione, e ora le viene impedito di vedere la figlia.

La bambina vive attualmente proprio con il padre violento”, denunciato per stalking, maltrattamenti, lesioni, tentato omicidio e violenza privata. La giustizia dov’è?

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Furti: svaligiata cassaforte ufficio ticket ospedale Cetraro

Matteo Brancati

Coltivavano marijuana in casa, arrestati coniugi nel Cosentino

Antonio Battaglia

Catanzaro, fugge dopo tentato furto: fermato. Ferito carabiniere

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content