Eyphemos, Ivana Fava: “Se mio marito legato ai clan io starò con lo Stato”

“Io sono allibita, spiazzata, sconcertata. Ma devo rimanere lucida per capire se mio marito è innocente, e quindi va tirato fuori dal carcere, o se ha delle responsabilità”.

E’ il dramma raccontato sulle pagine del Corriere.it da Ivana Fava, carabiniere, moglie di Antonino Creazzo, arrestato ieri nell’operazione Eyphemos, e figlia del brigadiere Nino Fava, ucciso a Reggio Calabria insieme al collega Cecè Garofalo, nel 1994 dalla ‘ndrangheta. Se il marito risulterà colpevole, afferma la donna, “io, figlia di un servitore dello Stato ucciso dalla ‘ndrangheta, resterò dalla parte dello Stato”.

E’ il dramma raccontato sulle pagine del Corriere.it da Ivana Fava, carabiniere, moglie di Antonino Creazzo, arrestato ieri nell’operazione Eyphemos, e figlia del brigadiere Nino Fava, ucciso a Reggio Calabria insieme al collega Cecè Garofalo, nel 1994 dalla ‘ndrangheta. Se il marito risulterà colpevole, afferma la donna, “io, figlia di un servitore dello Stato ucciso dalla ‘ndrangheta, resterò dalla parte dello Stato”.

Ivana Fava, 34 anni, è la moglie di Nino Creazzo, arrestato dalla polizia con l’accusa di “scambio elettorale politico-mafioso”. L’inchiesta della Procura reggina ha svelato i presunti legami del marito con la cosca Alvaro, ed è stato arrestato così come il cognato di Ivana, Domenico Creazzo, neoconsigliere regionale per Fratelli d’Italia, con l’accusa di avere chiesto voti alla ‘ndrangheta “in cambio della disponibilità a soddisfare gli interessi e le esigenze dell’associazione mafiosa». Ivana Fava stenta a crederci: «Per come conosco mio marito non penso che possa essere un affiliato alle cosche, ma ora deve dare delle spiegazioni. Prima ai magistrati, poi a me. Io non sono un giudice, però voglio sapere che ha combinato. E che cosa è accaduto”. (leggi intervista integrale)

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Confermato l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Francesco Putortì, indagato per omicidio e tentato omicidio
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved