F24 ordinario e semplificato, ecco quali sono le differenze

È il modello che viene utilizzato per il versamento di tributi, contributi e premi e permette, nella stessa operazione, anche la compensazione di eventuali crediti
f24

Il modello F24 viene utilizzato per il versamento di tributi, contributi e premi e permette, nella stessa operazione, anche la compensazione di eventuali crediti. Ma quali differenze ci sono tra il modello ordinario e quello semplificato? Le differenze sostanziali tra le due tipologie di F24 vanno ricercate nel numero di pagine, nelle sezioni presenti e nella possibilità di utilizzo.

F24 ordinario

F24 ordinario

Il modello F24 ordinario consente di eseguire tutti i tipi di versamento, è composto da tre pagine e all’interno è possibile trovare numerose sezioni. Oltre all’anagrafica, in cui saranno presenti i dati personali del contribuente che effettua il pagamento, si hanno a disposizione:

  • la sezione erario che permette il versamento delle imposte dirette allo Stato come Irpef, Iva o Ires (per la compilazione sono richiesti il codice tributo, l’anno di riferimento e importi, compresi quelli a credito);
  • sezione Inps permette di versare gli importi dovuti all’ente previdenziale (per la compilazione sono richiesti della sede Inps e la causale che identifica il pagamento);
  • la sezione Regioni con la quale è possibile versare tributi regionali;
  • sezione Imu e altri tributi locali che consente il versamento di Imu, Tari e altri tributi a livello comunale;
  • la sezione enti previdenziali e assicurativi;
  • la sezione Accise che consente di versare tributi diretti all’Agenzia delle dogane e dei monopoli, contributi Inpgi, Enpapi e Cassa Geometri.
  • F24 semplificato

    L’F24 semplificato è costituito da una sola pagina, permette solo alcuni tipi di versamento e ha meno sezioni. Oltre alla parte dedicata alle informazioni anagrafiche del soggetto che esegue il versamento, si trovano anche diversi campi tra cui la colonna sezione in cui andrà inserito il destinatario del versamento che dovrà essere indicato con:

  • EL se il destinatario è un ente locale;
  • ER se il destinatario è l’erario (lo Stato);
  • RG, se destinatarie del versamento sono le Regioni.
  • Oltre a questa colonna è presenta quella in cui indicare il codice tributo, il codice ente, l’anno di riferimento e l’importo.

    La differenza tra i due tipi di modello va dunque individuata nella “semplificazione” a livello di compilazione che offre l’F4 semplificato con la sua versione ridotta e facilitata. (Adnkronos)

    © Riproduzione riservata

    TI POTREBBE INTERESSARE
    Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
    Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
    Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
    Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
    Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
    Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
    L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
    Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
    Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
    L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
    RUBRICHE

    Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

    Direttore Responsabile Mimmo Famularo
    Caporedattore Gabriella Passariello

    Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

    2024 © All rights reserved