Calabria7

Fallimento Ambiente & Servizi, in dieci rinviati a giudizio (NOMI)

di Gabriella Passariello – A giudizio dieci imputati tra ex amministratori, funzionari e consiglieri comunali, accusati di bancarotta fraudolenta nell’ambito dell’inchiesta sul fallimento di Ambiente & Servizi, società municipalizzata del Comune di Catanzaro, creata per gestire la raccolta rifiuti, dichiarata fallita nel 2012. Il gup del Tribunale di Catanzaro Filippo Aragona ha mandato sotto processo Valentino Bolic, 75 anni di Roma (nel Consiglio di amministrazione della società dal 2002 al 2010); Alessandro Brutto, 51 anni di Crotone (vice presidente del Cda e amministratore delegato dal 2004 al 2010); Santo Bubbo, 49 anni di Petronà (presidente dal 2011 al 2012); Lorenzo Costa, 61 anni di Catanzaro (consigliere comunale prima nelle fila del Pd, ora con Officine del Sud ed ex amministratore delegato della società partecipata); Pasquale Costantino, 65 anni di Catanzaro (dirigente del settore finanziario del Comune di Catanzaro, (amministratore unico della spa dal 2011 al 2012) ; Umberto Frangipane, 59 anni di Catanzaro (amministratore unico della società e liquidatore dal 2011 al 2012); Francesco Laudadio, 71 anni di Catanzaro (presidente del Cda dal 2008 al 2010); Antonio Riillo, 73 anni di Borgia (consigliere del Consiglio di amministrazione dal 2008 al 2010); Gregorio Tassoni, 59 anni di Catanzaro e Vittorio Todaro, 82 anni di Pianopoli (rispettivamente vice presidente e consigliere del Cda dal 2011 al 2012). Per tutti il giudice ha, inoltre, dichiarato il non doversi procedere per intervenuta prescrizione relativamente al reato di bancarotta semplice, così come richiesto in aula dal pubblico ministero.  Il processo nei confronti di tutti gli imputati inizierà il prossimo 3 dicembre davanti al Tribunale collegiale di Catanzaro.

Il crack finanziario

Secondo le originarie ipotesi accusatorie, gli imputati avrebbero provocato il fallimento di “Ambiente & Servizi”, e  nonostante il grave dissesto in cui versava la società dal 2008, per favorire gli enti pubblici che rivestivano nello stesso tempo la posizione di soci e di debitori della società, si sarebbero astenuti dal pretendere il pagamento dei crediti vantati dalla municipalizzata stessa  nei confronti  di questi Comuni senza prendere alcuna iniziativa per il recupero dei soldi il cui ammontare era pari a 2.847.586 euro. Tra l’altro, avrebbero omesso nei bilanci fatti materiali rilevanti sulla effettiva situazione economico-patrimoniale della società, per indurre altri in errore. In particolare avrebbero omesso di indicare nel bilancio di esercizio il debito di “Ambiente & Servizi” nei confronti del Comune di Catanzaro per un importo pari a un milione di euro per canoni di locazione di un’area sita su Viale Magna Graecia concorrendo a provocare il dissesto della società. Una serie di omissioni protratte nel tempo, che è costato un danno patrimoniale pari a 5.326.239,52 euro. Costantino, secondo la Procura, avrebbe eseguito pagamenti in favore di fornitori e professionisti per un valore complessivo di 613mila euro impiegando risorse destinate dal Comune di Catanzaro alla ricapitalizzazione della società.

Il collegio difensivo

Impegnati nel processo, tra gli altri, gli avvocati Maurizio Belmonte, Francesco Gambardella, Aldo Casalinuovo, Pantalone Pallone, Vincenzo Iiritano, Francesco Verri, Vincenzo Marincola, mentre l’avvocato Francesco Iacopino rappresenta come parte civile la curatela fallimentare.

 

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Cosca Gallace, no alla sorveglianza speciale per Origlia. I giudici: “non è pericoloso”

manfredi

Serie C, Catanzaro-Monopoli 1-0: il commento (VIDEO)

manfredi

Coronavirus in Calabria, stabile la crescita dei contagi (+280). Calano i decessi (+4)

Damiana Riverso
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content