Calabria7

Falsi certificati medici, ridotta l’interdittiva per una bidella di Catanzaro

Potrà ritornare a lavorare a partire dal prossimo 30 aprile la collaboratrice scolastica Carmela Giglio, 53 anni, di Catanzaro destinataria di una misura interdittiva di sospensione dal pubblico ufficio (per la durata dell’anno scolastico)  emessa dal gip del Tribunale di Catanzaro nel mese di febbraio 2019. Il Tribunale del riesame ha accolto parzialmente l’appello degli avvocati Gregorio Casalenuovo e Maria Costa difensori dell’indagata a carico della quale si ipotizzano i reati di truffa aggravata e falso materiale. Secondo le ipotesi di accusa, Giglio, collaboratrice all’Istituto comprensivo “V. Vivaldi”, avrebbe alterato certificati medici  per usufruire di periodi di congedo dal lavoro per malattia. Il Tribunale del Riesame ha ritenuto di “di dover limitare temporalmente la misura interdittiva fino al 30 aprile 2019, reputando il periodo già decorso e quello ulteriore da scomputare come idoneo al soddisfacimento delle esigenze cautelari nonché a far cessare il pericolo  di reiterazione della condotta delittuosa”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Catanzaro, prorogata al 10 aprile scadenza ritiro buoni libri scolastici

Matteo Brancati

Arrestata donna nel Vibonese, era ricercata in tutta Europa

Andrea Marino

Pregiudicati e ‘ndranghetisti con il reddito di cittadinanza a Vibo, sequestri per 200mila euro

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content