Famiglia italiana sterminata a coltellate da 19enne in Germania: polizia era già intervenuta per una lite

Gli agenti erano intervenuti appena 24 ore prima per discussione tra il giovane killer e i suoi parenti. A chiamare gli agenti i vicini di casa

Il giorno prima della strage in casa a Hohentengen, in Germania, il 19enne italo tedesco che ha ucciso i genitori e il fratello e ferito la sorella aveva litigato furiosamente coi famigliari tanto da richiedere l’intervento della polizia tedesca. È il dettaglio che emerge dalle indagini sul movente della strage avvenuta martedì sera nella cittadina del land di Baden-Wurttemberg, e che ha distrutto la famiglia di origini italiane. Secondo la polizia e la procura tedesca che indagano sul caso, gli agenti erano intervenuti nella stessa abitazione della strage appena 24 ore prima per risolvere una lite scoppiata tra il 19enne e gli altri parenti. A chiamare gli agenti i vicini di casa che sentivano le urla provenire dall’abitazione.

Le autorità locali non hanno voluto chiarire ulteriormente le cause del triplice delitto e del tentato omicidio. Smentito solo un possibile collegamento legato alla droga di cui si era inizialmente parlato. Il 19enne, arrestato nell’immediatezza dei fatti, è stato portato mercoledì davanti al giudice del tribunale distrettuale di Waldshut-Tiengen che ha convalidato il fermo. Secondo le prime indiscrezioni, l’imputato ha fornito una sua ricostruzione dell’accaduto al momento dell’emissione del mandato d’arresto. È stato poi portato in un penitenziario. L’aggressione mortale al termine dell’ennesima lite in casa. L’uomo ha colpito a morte con un coltello i genitori, di 58 e 61 anni Erminio Congiu e Annalisa Prasciolu, che sono morti sul posto, e il fratello 34enne che è morto in ospedale a causa delle ferite riportate. Ferita invece la sorella che ora è ricoverata in ospedale ma non è in pericolo di vita. “È fuori pericolo, ma è ancora in ospedale”, ha detto il portavoce della polizia.

Le autorità locali non hanno voluto chiarire ulteriormente le cause del triplice delitto e del tentato omicidio. Smentito solo un possibile collegamento legato alla droga di cui si era inizialmente parlato. Il 19enne, arrestato nell’immediatezza dei fatti, è stato portato mercoledì davanti al giudice del tribunale distrettuale di Waldshut-Tiengen che ha convalidato il fermo. Secondo le prime indiscrezioni, l’imputato ha fornito una sua ricostruzione dell’accaduto al momento dell’emissione del mandato d’arresto. È stato poi portato in un penitenziario. L’aggressione mortale al termine dell’ennesima lite in casa. L’uomo ha colpito a morte con un coltello i genitori, di 58 e 61 anni Erminio Congiu e Annalisa Prasciolu, che sono morti sul posto, e il fratello 34enne che è morto in ospedale a causa delle ferite riportate. Ferita invece la sorella che ora è ricoverata in ospedale ma non è in pericolo di vita. “È fuori pericolo, ma è ancora in ospedale”, ha detto il portavoce della polizia.

La famiglia era di origine sarda

Agghiacciante la scena che si è presentata davanti ai primi soccorritori accorsi sul posto. La casa era piena di tracce di sangue, rinvenute persino all’esterno della porta di ingresso. La notizia ha sconvolto la piccola comunità tedesca, dove la famiglia viveva dagli anni ’80, ma anche le cittadine di Silius e Ballao, in Sardegna, luoghi di origine dei coniugi Erminio Congiu, sessantunenne e Annalisa Prasciolu cinquantottenne, entrambi di origine sarda. “Erminio era legatissimo al paese e quanto poteva faceva una capatina per trovare i fratelli e le sorelle. In paese è palpabile lo sgomento per l’immane tragedia avvenuta in Germania dove uno dei nostri figli era emigrato per dare un futuro migliore alla sua famiglia”, ha dichiarato il sindaco di Silius. (Fanpage)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved