“Fangopoli”,  revocati domiciliari per un indagato e per altri due l’obbligo di dimora

Profonda soddisfazione è stata espressa dal difensore degli indagati "per un provvedimento che restituisce solo in parte la dignità all'azienda"
Omicidio avvocato Francesco Pagliuso

“Notevolmente ridimensionato il castello accusatorio a carico della Costruzioni Bova Srl formalizzato il 15 giugno scorso dalla Direzione Distrettuale antimafia di Catanzaro che con l’operazione “Fangopoli” aveva, attraverso i gruppi dei Carabinieri N.O.E., indagato 20 persone e 3 società con le ipotesi di traffico illecito di rifiuti. Il Tribunale del Riesame, in accoglimento delle istanze avanzate dall’avvocato Arturo Bova, difensore di fiducia degli indagati, ha annullato le ordinanze emesse dal GIP nei confronti di Bongarzone Giuseppe e Nisticò Rosario, dipendenti della Società Costruzioni Bova Srl ed ha disposto l’immediata scarcerazione dell’imprenditore Bova Paolo che dovrà comunque rispettare l’ordine di presentazione alla Polizia Giudiziaria, per tre giorni alla settimana”. E’ quanto si legge in una nota stampa.

“All’udienza camerale di ieri mattina, l’avv. Arturo Bova ha dimostrato in maniera dettagliata, a seguito di una lunga discussione e di una corposa produzione documentale, l’assoluta estraneità della Costruzioni Bova s.r.l. a qualsiasi ipotesi di sversamento illecito di fanghi da depurazione. Secondo la tesi e la produzione documentale difensiva, il gli Agenti del N.O.E. avevano confuso e ritenuto erroneamente che si trattasse di sversamenti di fanghi da depurazione, mentre in realtà si trattava di sversamenti di terra mista a fertilizzanti naturali (compost, pomodori, frasche, etc.) operati nei terreni della Azienda Agricola di Bova Paolo, debitamente comunicati e autorizzati dalle Autorità Amministrative preposte a seguito della presentazione nell’anno 2020 di un Programma di Miglioramento Agrario. Profonda soddisfazione è stata espressa dal difensore degli indagati per un provvedimento che restituisce solo in parte la dignità e l’immagine ad una Azienda che ha fatto della coltivazione biologica, uno stile e metodo di praticare l’agricoltura in Calabria”.

“All’udienza camerale di ieri mattina, l’avv. Arturo Bova ha dimostrato in maniera dettagliata, a seguito di una lunga discussione e di una corposa produzione documentale, l’assoluta estraneità della Costruzioni Bova s.r.l. a qualsiasi ipotesi di sversamento illecito di fanghi da depurazione. Secondo la tesi e la produzione documentale difensiva, il gli Agenti del N.O.E. avevano confuso e ritenuto erroneamente che si trattasse di sversamenti di fanghi da depurazione, mentre in realtà si trattava di sversamenti di terra mista a fertilizzanti naturali (compost, pomodori, frasche, etc.) operati nei terreni della Azienda Agricola di Bova Paolo, debitamente comunicati e autorizzati dalle Autorità Amministrative preposte a seguito della presentazione nell’anno 2020 di un Programma di Miglioramento Agrario. Profonda soddisfazione è stata espressa dal difensore degli indagati per un provvedimento che restituisce solo in parte la dignità e l’immagine ad una Azienda che ha fatto della coltivazione biologica, uno stile e metodo di praticare l’agricoltura in Calabria”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Shakur venne ucciso quasi tre decenni fa mentre era a bordo di un'auto
Il procuratore capo della Repubblica di Napoli ha incontrato gli aggiunti: "Abbiamo ridato speranza a migliaia di calabresi"
La cantautrice siciliana ha riscaldato il pubblico con il suo repertorio fatto di successi indimenticabili
La cornice è quella del paesaggio del Parco regionale delle Serre, la storia è quella di Dante, uno degli ultimi carbonai del paese
Molti dei profughi indossavano indumenti bagnati. La barca, partita dalla Turchia, intercettata in difficoltà a 20 miglia dalla costa
Visti i costi del ricorso, il Comitato si è però rivolto a tutti i cittadini del comprensorio chiedendo un sostegno economico
La struttura ospedaliera era registrata, ma l'operatore responsabile non possedeva le qualifiche mediche necessarie
Per cause ancora in via di accertamento, il pilota avrebbe perso il controllo della vela schiantandosi e perdendo la vita
Necessario intervento di riparazione a causa di una sfilatura della condotta idrica dell'acquedotto del Guerriccio
L'uomo, di 55 anni, era sottoposto ai domiciliari da oltre tre anni. Accolta dal Tribunale collegiale di Lamezia l'istanza degli avvocati
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved