LA SENTENZA

Farmabusiness, confermata l’assoluzione di Tallini: 12 condanne in appello (NOMI)

Una sentenza di condanna ribaltata in assoluzione, sei pene ridotte, altre sei confermate

Due assoluzioni confermate, una condanna ribaltata in assoluzione, sei condanne confermate, sei ridotte e un’estinzione del reato per morte del reo per i 16 imputati, tra professionisti, commercialisti, sodali e affiliati alla ‘ndrangheta dei Grande Aracri di Cutro e un politico, coinvolti nell’inchiesta della Dda di Catanzaro, nome in codice Farmabusiness che ha fatto tremare i palazzi del potere, svelando gli intrecci più sordidi tra mafia e imprenditoria sull’affare dei farmaci. Un’inchiesta che ha retto in secondo, così come in primo grado quando il 18 febbraio dell’anno scorso il gup Barbara Saccà ha sentenziato quattordici condanne e sei assoluzioni per i venti imputati accusati a vario titolo di associazione a delinquere di tipo mafioso, concorso esterno in associazione di tipo mafioso, scambio elettorale politico-mafioso, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita, detenzione illegale di armi, trasferimento fraudolento di valori, tentata estorsione, ricettazione, violenza o minaccia a un pubblico ufficiale e intestazioni fittizia di beni (LEGGI QUI)

Respinti gli appelli della Dda

Respinti gli appelli della Dda

 Non sono passati però al vaglio dei giudici, gli appelli della Dda  contro l’allora assessore Domenico Tallini (difeso dagli avvocati Enzo Ioppoli, Valerio Zimatore, Carlo Petitto) rispetto al quale il pg aveva chiesto di ribaltare il verdetto assolutorio, chiedendone la condanna a 7 anni e 8 mesi di reclusione, così come non ha retto la richiesta di condanna per violenza o minaccia a pubblico ufficiale a 4 anni di reclusione per Tommaso Aprile.  Ribaltato il verdetto di condanna in assoluzione per Santo Castagnino, codifeso dagli avvocati Vincenzo Cicino e Salvatore Perri, che in primo grado aveva incassato 10 anni e 8 mesi di reclusione.  

Le condanne confermate

La Corte di appello di Catanzaro, presidente Antonio Rizzuti, a latere Abigal Mellace e Carlo Fontanazza, ha confermato la sentenza di primo grado nei confronti di Paolo De Sole, a 8 anni e 4 mesi; Domenico Grande Aracri, a 2 anni e 8 mesi; Salvatore Grande Aracri, (37enne), a 10 anni e 8 mesi di reclusione; Pancrazio Opipari, a 8 anni e 6 mesi di reclusione; Salvatore Francesco Romano, a 11 anni e 4 mesi di reclusione; Leonardo Villirillo, a 10 anni e 8 mesi di reclusione.

Reato estinto

I giudici di secondo grado hanno pronunciato nei confronti di Maurizio Sabato, l’ estinzione del reato per morte sopravvenuta

Pene rideterminate 

Sentenziati lievi sconti di pena per sei imputati: Giuseppe Ciampà, condannato a 8 anni (il pg aveva invece chiesto 10 anni e 8 mesi);  Donato Gallelli, alias Calimero, ha concordato la pena a 3 anni  (il pg aveva invocato 4 anni più 5mila euro di multa);  Elisabetta Grande Aracri, figlia del boss Nicolino, 8 anni (il pg10 anni e 8 mesi di reclusione); Salvatore Grande Aracri, (44 anni), 11 anni (il pg11 anni e 4 mesi); Giuseppina Mauro, detta Maria, 13 anni e 8 mesi (il pg 14 anni di reclusione);  Domenico Scozzafava, 11 anni e 8 mesi (il pg 16 anni e 5mila euro di multa).

La condanna ribaltata in assoluzione

Assolto Santo Castagnino, che in primo grado invece era stato condannato a 10 anni e otto mesi, con la formula per non aver commesso il fatto. 

Parti civili

Tre le parti civili costituite: il Comune di Catanzaro, la Presidenza del consiglio dei ministri e il Ministero dell’interno.

Il collegio difensivo

Nel collegio difensivo compaiono tra gli altri i nomi degli avvocati Salvatore Staiano, Vincenzo Cicino, Enzo De Caro, Gregorio Viscomi, Enzo Ioppoli, Carlo Petitto, Valerio Zimatore, Salvatore Perri, Nicola Tavano, Antonio Ludovico, Davide De Caro, Gianni Russano, Michele De Cillis, Mario Nigro, Sergio Rotundo, Salvino Mondello, Valerio Vianello Accoretti, Carmine Curatolo, Luca Matarese, Filippo Giunchedi.

I motivi di appello per Tallini

 La Dda aveva proposto ricorso in appello sul presupposto che il giudice di prime cure non aveva letto le dichiarazioni riportate nel verbale dell’interrogatorio di garanzia dell’ex assessore. Il gup nelle motivazioni della sentenza dichiarava: “ il motivo per cui l’imputato manteneva i rapporti con Domenico Scozzafava, del quale non appare dimostrato che Tallini ne conoscesse l’appartenenza mafiosa, erano legate anche al suo tornaconto politico, per le sue ampie conoscenze dovute al lavoro di antennista svolto su tutta la Regione e per le conoscenze politiche importanti che vantava. Tanto per fare un esempio, si consideri che fu lo Scozzafava a mettere in contatto Tallini con la senatrice Mancuso”. Ma l’interrogatorio di garanzia per l’accusa avrebbe detto altro: “Vede, dottore, io faccio il politico e nell’approccio con gli elettori uno che fa politica deve stare attento, perché ci sono alcuni elettori che vogliono dimostrarti non solo di avere potenzialmente voti per cui ti vogliono quasi quasi far capire che è tuo interesse coltivare quel rapporto e se poco poco tu sminuisci diciamo quel che gli elettori tipo Scozzafava ti fanno capire praticamente scatta la reazione opposta, nel senso che praticamente questi poi te li ritrovi contro. A me non interessava in maniera particolare come elettore, aggiunge Tallini, ma in quella fase feci finta, così, di non dare molto peso a tutte le cose che diceva, per il problema elettorale io non avevo bisogno dei suoi consensi e non diedi diciamo molto peso a quello che lui cercava di farmi capire. Poi avevo già conosciuto in una esperienza precedente molto tempo prima la senatrice Mancuso per motivi elettorali. Pensi che io sono in politica da quando avevo 16 anni, certamente solo nel 1981 per la prima volta entrai in una assemblea elettiva al Consiglio Comunale, pertanto ritenni di aderire a quella proposta di incontrarli e ci incontrammo..”.

Secondo la verità espressa da Tallini, lui non aveva mai considerato Scozzafava una risorsa dal punto di vista elettorale e la senatrice Mancuso, l’allora assessore, già la conosceva. “Basterebbero questi rapidi accenni per verificare, razionalmente, come il convincimento del giudice- sostiene la Dda- si sia formato arbitrariamente, anche sulla base tecnica del copia e incolla dei provvedimenti di impugnazione cautelare”. E per il pm sarebbero stati variegati i dati, letti in maniera diversa dal gup rispetto alla verità offerta dall’imputato nel proprio interrogatorio di garanzia così come il giudice di primo grado, secondo la Dda, non ha tenuto conto delle dichiarazioni accusatorie di Giovanni Abramo (LEGGI) se non in modo sbrigativo, definendole contraddittorie in alcuni punti (LEGGI). Motivi di appello però che non hanno retto di fronte al verdetto della Corte.

I motivi di appello per Aprile

La Dda aveva invocato anche per Tommaso Aprile, 51enne, di Catanzaro assolto dal gup nell’ambito dell’inchiesta Farmabusiness, dall’accusa di violenza o minaccia a pubblico ufficiale la condanna a 4 anni di reclusione.  Per la Dda Salvatore Grande Aracri e l’antennista Domenico Scozzafava come mandanti, Pancrazio Opipari e Aprile come esecutori avrebbero costretto due funzionarie Asp a rilasciare parere positivo all’idoneità dei locali del Consorzio Farmaitalia dopo che per due volte l’autorizzazione per l’avvio della attività era stata negata. Opipari e Aprile avrebbero fermato le due funzionarie proprio davanti alla sede dell’Asp. 

E l’invito a prendere un caffè da parte di questo ultimo, a differenza di quanto sostenuto dal gup  equivaleva ad un atto intimidatorio, e non ad un esaltare il clima “amichevole” e disteso, creato grazie all’intervento del responsabile Asp”. Opipari e Aprile ha ricordato la Dda sono legati a clan dei Gaglianesi e va da sé che si sia “trattata di una vera e propria intimidazione. Affermare che ci fosse un interesse del gruppo dei Gaglianesi al buon esito del controllo, esplicitato proprio dalla presenza di due uomini di quel gruppo, sul posto, significa renderne “visibile” la presenza. Il segno di prendere un caffè non necessita di minacce esplicite, proprio in considerazione del condizionamento ambientale imposto dal contesto criminale (LEGGI).

L’inchiesta e le iniziative imprenditoriali dei Grande Aracri

L’inchiesta, che il 19 novembre del 2020 ha portato a diciannove misure cautelari, è nata in seguito alle attività investigative dei carabinieri di Catanzaro e Crotone, delegati alle indagini dal procuratore aggiunto Vincenzo Capomolla e i due sostituti Domenico Guarascio e Paolo Sirleo, sotto la supervisione del procuratore capo della Dda Nicola Gratteri. Al centro delle indagini, la cosca di ‘ndrangheta dei Grande Aracri di Cutro, in particolare le loro iniziative imprenditoriali e il reimpiego dei capitali illeciti, attraverso la costituzione di una società con base a Catanzaro, finalizzata alla distribuzione all’ingrosso di prodotti medicinali, mediante una rete di punti vendita, costituiti da farmacie e parafarmacie.

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, costituite le parti in appello. A gennaio si entra nel vivo del processo bis

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, la Dda in appello contro Tallini: “L’assoluzione? Un illogico copia e incolla”

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, la Dda sull’assoluzione di Tallini bacchetta il gup: “Non ha letto gli atti”

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, Tallini alla Dda: “Dimostrerò la mia totale estraneità davanti alla Corte d’Appello”

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, la Dda di Catanzaro vuole la condanna di Aprile: “Minacciate dipendenti Asp

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, il giorno della requisitoria della Dda di Catanzaro. Udienza vietata ai giornalisti

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, il genero di Grande Aracri su Tallini: “E’ un corrotto, va incastrato”

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, un post di un consigliere comunale di Catanzaro nel mirino della Dda

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, la Dda chiude l’inchiesta: c’è Tallini. Ulteriori indagini su Grande Aracri (NOMI)

LEGGI ANCHE | ‘Ndrangheta, duro colpo alla cosca Grande Aracri: 19 arresti (NOMI)

LEGGI ANCHE | Tutte le accuse a Tallini: dal sostegno dei Grande Aracri all’assunzione del figlio

LEGGI ANCHE | L’ascesa di Tallini: da consigliere comunale a presidente del Consiglio regionale

LEGGI ANCHE | Operazione FarmaBusiness, arrestato il presidente del Consiglio regionale Tallini

LEGGI ANCHE | Riciclaggio in farmaci di proventi mafiosi, 25 gli indagati (NOMI-VIDEO)

LEGGI ANCHE | ‘Ndrangheta: l’ascesa della cosca Grande Aracri fra traffici e omicidi

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, il Riesame su Scozzafava: “È un mafioso, deve restare in carcere

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, il summit intercettato e il ruolo di Tallini

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, Scozzafava resta in carcere. La Cassazione: “In affari con i Grande Aracri”

LEGGI ANCHE | Farmabunisess, Tallini: “Sono innocente, la Procura ha preso abbaglio

LEGGI ANCHE | Farmabusiness:  “il grande elettore di Tallini e la figura dell’ex primario del Gemelli

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, la Dda in Cassazione contro Tallini: “Sapeva del contesto criminale”

LEGGI ANCHE | Farmabusiness: bocciato il ricorso della Dda, il consigliere Tallini resta libero

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, ombra del clan su appalti e il ruolo del tecnico della Provincia di Catanzaro

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, intrecci tra ‘ndrangheta e politica:”Il consigliere comunale e i favori al clan”

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, il Riesame sull’avvocato Grande Aracri: “Reggono le accuse ma i reati sono datati”

LEGGI ANCHE | La Dda sulle tracce dell’impero di Grande Aracri: “Duva l’haju tutti sti miliardi? I sordi su finiti”

LEGGI ANCHE |La farsa di Grande Aracri e l’astuzia di Gratteri: “Non può prenderci in giro, lei non è un pentito”

LEGGI ANCHE | Il falso pentito Nicolino Grande Aracri e i verbali inattendibili, la Dda di Catanzaro: “Sminuisce le nostre accuse

LEGGI ANCHE | Duplice delitto a Vallefiorita, Grande Aracri fa i nomi dei killer e si discolpa: “N’amu lavatu i mani”

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
I due ora, madre e bambino, sono stati allontanati dal nucleo familiare e resteranno in una struttura protetta
E' questa la conclusione a cui è giunto il consulente tecnico nominato dalla Procura di Catanzaro
La richiesta è arrivata al termine della requisitoria del procedimento penale che vede come unico imputato Giuseppe Accorinti
Il veicolo, guidato dall'uomo che è rimasto ferito, non ha urtato altri mezzi
I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento
"Il tema è frequentissimo e poco capito. C'è un lavoro da fare affinché si arrivi a una cultura del rispetto che deve partire anche dai più piccoli"
Le zone più urbanizzate dell'Italia sono state colpite più duramente nella fase iniziale della pandemia. Ora si sa il perché
Il prossimo passo sarà sollecitare le amministrazioni centrali a portare il tema all'attenzione dell'ordine del giorno a Bruxelles
Il sindaco di Catanzaro Nicola Fiorita ha disposto l'ordinanza per ragioni di ordine e sicurezza pubblica
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved