Calabria7

Farmabusiness, Domenico Grande Aracri dai domiciliari all’obbligo di firma

Maurizio Sabato

Il Gip di Catanzaro ha modificato la misura cautelare per Domenico Grande Aracri, arrestato il 19 novembre scorso nell’ambito dell’operazione antimafia “Farmabusiness”. La misura degli arresti domiciliari è stata sostituita con obbligo di firma per Domenico Grande Aracri.

L’indagato, fratello del boss di Cutro Nicolino Grande Aracri alias “Mano di Gomma”, è accusato di trasferimento fraudolento di valori aggravato dal metodo mafioso, per la costituzione del consorzio Farma Italia per la quale, secondo l’accusa, in rappresentanza dell’omonima famiglia mafiosa, sovraintendeva le operazioni societarie, stabilendo gli introiti da destinare alla Locale di Cutro quale reimpiego dei fondi illeciti investiti.

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Torvaianica, Maria uccisa da coltellata: si rafforza ipotesi omicidio-suicidio

Mirko

Marijuana in casa, due arresti a Reggio Calabria

Carmen Mirarchi

‘Ndrangheta, agguato contro armiere clan Mancuso: esplosi 30 colpi, illeso

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content