Farmabusiness, i giudici di appello di Catanzaro: “I Grande Aracri, clan di impresa sempre più forte”

Nelle motivazioni della sentenza smentito il tentativo della difesa di negare gli interessi dei Grande Aracri nell'affare dei farmaci
graduatoria cancelliere

Il tentativo della difesa di neutralizzare la sussistenza dell’associazione Grande Aracri nel processo Farmabusiness, che vede coinvolti professionisti, commercialisti, sodali e affiliati alla ‘ndrangheta nel business dei farmaci non ha retto nemmeno in appello.

E sono gli stessi giudici di secondo grado ad affermarlo in 224 pagine nel motivare la sentenza, con cui il  14 novembre 2023 hanno emesso il verdetto nei confronti di 16 imputati (LEGGI). “Le risultanze delle fonti dichiarative ed intercettive dimostrano oltre ogni ragionevole dubbio che la cosca Grande Aracri anche se colpita dagli arresti disposti in Kyterion e che hanno attinto vertici e sodali abbia continuato ad operare con immutata forza e capacità negli anni successivi grazie a fidati accoliti.” Una cosca che gode di una posizione di assoluta preminenza in seno alla ‘ndrangheta calabrese e nell’ambito del panorama criminale nazionale, avendo ingaggiato con esponenti di gruppi avversi, cruenti guerre, combattute anche con sanguinosi ed efferati agguati e che da molto tempo ormai non ha bisogno di ricorrere alle classiche attività delinquenziali per manifestare la sua riconosciuta forza e vitalità: controlla e gestisce in regime di monopolio interi settori imprenditoriali e commerciali, in grado di infiltrarsi nel tessuto sociale ed economico del territorio, su cui esercita un indiscusso controllo. “La cosca Grande Aracri ha investito capitali illeciti la cui provenienza è stata debitamente occultata nei progetti imprenditoriali che hanno portato alla nascita e alla concreta operatività di strutture societarie Farmitalia e Farmaeco. Strutture attraverso le quali ha operato- scrivono i giudici di appello nella motivazione della sentenza- per almeno tre anni in regime di monopolio nel lucroso settore della distribuzione dei farmaci su tutto il territorio soggetto al suo dominio”. 

E sono gli stessi giudici di secondo grado ad affermarlo in 224 pagine nel motivare la sentenza, con cui il  14 novembre 2023 hanno emesso il verdetto nei confronti di 16 imputati (LEGGI). “Le risultanze delle fonti dichiarative ed intercettive dimostrano oltre ogni ragionevole dubbio che la cosca Grande Aracri anche se colpita dagli arresti disposti in Kyterion e che hanno attinto vertici e sodali abbia continuato ad operare con immutata forza e capacità negli anni successivi grazie a fidati accoliti.” Una cosca che gode di una posizione di assoluta preminenza in seno alla ‘ndrangheta calabrese e nell’ambito del panorama criminale nazionale, avendo ingaggiato con esponenti di gruppi avversi, cruenti guerre, combattute anche con sanguinosi ed efferati agguati e che da molto tempo ormai non ha bisogno di ricorrere alle classiche attività delinquenziali per manifestare la sua riconosciuta forza e vitalità: controlla e gestisce in regime di monopolio interi settori imprenditoriali e commerciali, in grado di infiltrarsi nel tessuto sociale ed economico del territorio, su cui esercita un indiscusso controllo. “La cosca Grande Aracri ha investito capitali illeciti la cui provenienza è stata debitamente occultata nei progetti imprenditoriali che hanno portato alla nascita e alla concreta operatività di strutture societarie Farmitalia e Farmaeco. Strutture attraverso le quali ha operato- scrivono i giudici di appello nella motivazione della sentenza- per almeno tre anni in regime di monopolio nel lucroso settore della distribuzione dei farmaci su tutto il territorio soggetto al suo dominio”. 

L’Immutata vocazione imprenditoriale dei Grande Aracri

 E l’immutata vocazione imprenditoriale dei Grandi Aracri viene dimostrata nel processo Farmabusiness dalle risultanze di una lunga conversazione ambientale del 7 giugno 2014 ritenuta “una fonte di prova eccezionale, idonea a comprovare il controllo che l’organizzazione ha esercitato su una complessa operazione imprenditoriale posta in essere al fine di infiltrare e piegare ai suoi interessi il redditizio settore della distribuzione di farmaci, disvelando con certezza sia le condotte partecipative di Giuseppina Mauro (ndr moglie del boss Nicolino Grande Aracri), Salvatore Grande Aracri, 44 anni, Leonardo Villirillo, Domenico Scozzafava sia i contributi forniti dagli imputati Paolo De sole, Pancrazio Opipari e Domenico Grande Aracri”.

Gli elementi offerti dalla conversazione, secondo le tesi di accusa, comprovano la “perpetrazione delle operazioni di interposizione fittizia per mezzo della quale gli esponenti di vertice e i sodali della cosca Giuseppina Mauro, Giovanni Abramo, Salvatore Grande Aracri, 44 anni e Domenico Scozzafava seguendo i consigli di Leonardo Villirillo hanno investito rilevanti somme di denaro nelle operazioni imprenditoriali acquisendo la titolarità sostanziale delle quote del capitale sociale del consorzio grazie allo schermo protettivo loro offerto dallo stesso Domenico Scozzafava”.

Le modalità subdole e insidiose

Per la Corte di appello di Catanzaro sono innegabili la chiarezza, l’univocità la ricchezza argomentativa della conversazione ambientale del 7 giugno 2014, dotata di una straordinaria valenza probatoria che svela le modalità subdole e insidiose attraverso le quali la potente locale di Cutro, facente capo alla famiglia Grande Aracri da anni ormai opera nel settore economico-imprenditoriale, servendosi del contributo di sodali appartenenti alla famiglia, di intranei o concorrenti dal volto pulito e insospettabile. Proprio grazie all’operato gravissimo di queste persone, la stessa organizzazione negli anni è riuscita anche nelle fiorenti regioni del Nord Italia a penetrare nel tessuto della società civile, a infiltrarsi negli apparati di governo locali e nazionali, a inquinare l’economia sana, riciclando attraverso attività commerciali formalmente pulite i proventi delle attività delittuose, generando illecite accumulazioni patrimoniali delle quali, in una sorta di circolo vizioso, si serve per accrescere sempre di più il suo potere economico e quindi la sua capacità di soggiogare e soffocare i territori su cui opera e in particolare quello della Regione Calabria. 

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, costituite le parti in appello. A gennaio si entra nel vivo del processo bis

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, la Dda in appello contro Tallini: “L’assoluzione? Un illogico copia e incolla”

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, la Dda sull’assoluzione di Tallini bacchetta il gup: “Non ha letto gli atti”

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, Tallini alla Dda: “Dimostrerò la mia totale estraneità davanti alla Corte d’Appello”

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, la Dda di Catanzaro vuole la condanna di Aprile: “Minacciate dipendenti Asp

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, il giorno della requisitoria della Dda di Catanzaro. Udienza vietata ai giornalisti

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, il genero di Grande Aracri su Tallini: “E’ un corrotto, va incastrato”

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, un post di un consigliere comunale di Catanzaro nel mirino della Dda

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, la Dda chiude l’inchiesta: c’è Tallini. Ulteriori indagini su Grande Aracri (NOMI)

LEGGI ANCHE | ‘Ndrangheta, duro colpo alla cosca Grande Aracri: 19 arresti (NOMI)

LEGGI ANCHE | Tutte le accuse a Tallini: dal sostegno dei Grande Aracri all’assunzione del figlio

LEGGI ANCHE | L’ascesa di Tallini: da consigliere comunale a presidente del Consiglio regionale

LEGGI ANCHE | Operazione FarmaBusiness, arrestato il presidente del Consiglio regionale Tallini

LEGGI ANCHE | Riciclaggio in farmaci di proventi mafiosi, 25 gli indagati (NOMI-VIDEO)

LEGGI ANCHE | ‘Ndrangheta: l’ascesa della cosca Grande Aracri fra traffici e omicidi

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, il Riesame su Scozzafava: “È un mafioso, deve restare in carcere

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, il summit intercettato e il ruolo di Tallini

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, Scozzafava resta in carcere. La Cassazione: “In affari con i Grande Aracri”

LEGGI ANCHE | Farmabunisess, Tallini: “Sono innocente, la Procura ha preso abbaglio

LEGGI ANCHE | Farmabusiness:  “il grande elettore di Tallini e la figura dell’ex primario del Gemelli

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, la Dda in Cassazione contro Tallini: “Sapeva del contesto criminale”

LEGGI ANCHE | Farmabusiness: bocciato il ricorso della Dda, il consigliere Tallini resta libero

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, ombra del clan su appalti e il ruolo del tecnico della Provincia di Catanzaro

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, intrecci tra ‘ndrangheta e politica:”Il consigliere comunale e i favori al clan”

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, il Riesame sull’avvocato Grande Aracri: “Reggono le accuse ma i reati sono datati”

LEGGI ANCHE | La Dda sulle tracce dell’impero di Grande Aracri: “Duva l’haju tutti sti miliardi? I sordi su finiti”

LEGGI ANCHE |La farsa di Grande Aracri e l’astuzia di Gratteri: “Non può prenderci in giro, lei non è un pentito”

LEGGI ANCHE | Il falso pentito Nicolino Grande Aracri e i verbali inattendibili, la Dda di Catanzaro: “Sminuisce le nostre accuse

LEGGI ANCHE | Duplice delitto a Vallefiorita, Grande Aracri fa i nomi dei killer e si discolpa: “N’amu lavatu i mani”

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
Il gup nelle motivazioni della sentenza: "era a conoscenza dei rapporti tra 'ndrangheta e servizi segreti"
I genitori hanno scoperto casualmente un anno fa della malattia del figlio, dopo una serie di accertamenti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved