Farmabusiness, i giudici sull’assoluzione bis di Tallini: “Nessuna prova contro di lui. Utilizzato da Scozzafava”

La Corte di appello di Catanzaro spiega i motivi dell'assoluzione del politico: "Nessun rapporto con i Grande Aracri"

“Infondato l’appello della Dda, non emergono dagli atti elementi idonei a dimostrare, oltre ogni ragionevole dubbio, che Domenico Tallini ha apportato al progetto imprenditoriale, sfociato nella costituzione del Consorzio  Farmaltalia e della connessa società Farmaeko” un contributo finalizzato al rafforzamento delle capacità operative della cosca Grande Aracri”. La Corte di appello di Catanzaro motiva la decisione di confermare l’assoluzione del politico (LEGGI), imputato nel processo Farmabusiness, con la formula più ampia perché il fatto non sussiste.

Dalle dichiarazioni e dalla captazioni  non emerge che l’imputato, durante la campagna elettorale relativa alle elezioni regionali del novembre 2014, abbia stretto con gli esponenti della ‘ndrangheta di Cutro un illecito patto in forza del quale avrebbe accettato la promessa di voti in cambio della promessa di porre in essere azioni amministrative tese ad avvantaggiare il sodalizio e, in particolare, “a favorire la conclusione dell’iter amministrativo già avviato per il rilascio delle autorizzazioni necessarie per lo svolgimento delle attività del Consorzio Farmaltalia, riconducibile alla cosca Grande Aracri”. Per i giudici di appello non sono sufficienti le affermazioni di Leonardo Villirillo e di Salvatore Grande Aracri, rese durante il summit del 7 giugno 2014, dichiarazioni secondo le quali un “assessore amico” si sarebbe occupato della celere ed agevole definizione dell’iter amministrativo.  “Tali affermazioni, infatti, nonostante abbiano a primo acchito una indiscutibile valenza indiziaria, per la fonte qualificata da cui provengono non superano la decisiva prova dei fatti, perché nessuno dei dirigenti e dei funzionati il cui nome è evocato nelle conversazioni captate risulta essere mai stato avvicinato, indotto, persuaso, costretto da Tallini ad assumere determinazioni che non avrebbe altrimenti adottato o a forzare i normali tempi di rilascio della richiesta autorizzazione, imprimendo all’iter un anomalo e accelerato decorso”.

Dalle dichiarazioni e dalla captazioni  non emerge che l’imputato, durante la campagna elettorale relativa alle elezioni regionali del novembre 2014, abbia stretto con gli esponenti della ‘ndrangheta di Cutro un illecito patto in forza del quale avrebbe accettato la promessa di voti in cambio della promessa di porre in essere azioni amministrative tese ad avvantaggiare il sodalizio e, in particolare, “a favorire la conclusione dell’iter amministrativo già avviato per il rilascio delle autorizzazioni necessarie per lo svolgimento delle attività del Consorzio Farmaltalia, riconducibile alla cosca Grande Aracri”. Per i giudici di appello non sono sufficienti le affermazioni di Leonardo Villirillo e di Salvatore Grande Aracri, rese durante il summit del 7 giugno 2014, dichiarazioni secondo le quali un “assessore amico” si sarebbe occupato della celere ed agevole definizione dell’iter amministrativo.  “Tali affermazioni, infatti, nonostante abbiano a primo acchito una indiscutibile valenza indiziaria, per la fonte qualificata da cui provengono non superano la decisiva prova dei fatti, perché nessuno dei dirigenti e dei funzionati il cui nome è evocato nelle conversazioni captate risulta essere mai stato avvicinato, indotto, persuaso, costretto da Tallini ad assumere determinazioni che non avrebbe altrimenti adottato o a forzare i normali tempi di rilascio della richiesta autorizzazione, imprimendo all’iter un anomalo e accelerato decorso”.

“Tallini non ha strumentalizzato le sue funzioni”

Conversazioni che sebbene dimostrino l’interesse di Tallini verso il progetto sin dalle sue fasi iniziali, si fermano a questo, non vanno oltre, non provano che abbia strumentalizzato il suo ufficio e le sue funzioni per incidere sulle determinazioni degli organi competenti.  Rimane per la Corte la necessità di capire per quale ragione, a fronte Tallini sia stato indicato nel corso della riunione del 7 giugno 2014, da Villirillo e da Salvatore Grande Aracri come l’assessore asservito al progetto. E c’è solo una spiegazione possibile: Domenico Scozzafava,l’antennista, “che sicuramente era all’epoca già inserito nei contesti delinquenziali e mafiosi si è servito della sua conoscenza personale con Tallini per rafforzare, consolidare ed elevare la sua posizione associativa, per conquistare all’interno della cosca Grande Aracri un titolo di primaria importanza, certamente superiore a quello sino a quel momento riconosciutogli e che gli derivava dal presentarsi come il tramite con la politica che conta, con quel ‘livello’ superiore, cui ogni cosca mafiosa anela di venire in contatto, per infiltrare, piegandoli ai propri interessi, i processi decisionali e le funzioni di governo”.

Non ci sono elementi idonei a dimostrare che Tallini nel periodo in cui sono avvenuti i fatti e che, si collocano tutti nel ristretto arco temporale che va dal mese di dicembre 2013 al successivo mese di gennaio 2014, fosse consapevole della organica appartenenza di Scozzafava alla consorteria mafiosa dei Grande Aracri né del fatto che, unitamente a Paolo De Sole, avesse già messo a disposizione della stessa organizzazione il progetto imprenditoriale FarmaItalia con l’obiettivo di accrescerne la potenza economica e il suo potere di controllo del territorio”.  

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, i giudici di appello di Catanzaro: “I Grande Aracri, clan di impresa sempre più forte”

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, costituite le parti in appello. A gennaio si entra nel vivo del processo bis

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, la Dda in appello contro Tallini: “L’assoluzione? Un illogico copia e incolla”

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, la Dda sull’assoluzione di Tallini bacchetta il gup: “Non ha letto gli atti”

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, Tallini alla Dda: “Dimostrerò la mia totale estraneità davanti alla Corte d’Appello”

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, la Dda di Catanzaro vuole la condanna di Aprile: “Minacciate dipendenti Asp

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, il giorno della requisitoria della Dda di Catanzaro. Udienza vietata ai giornalisti

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, il genero di Grande Aracri su Tallini: “E’ un corrotto, va incastrato”

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, un post di un consigliere comunale di Catanzaro nel mirino della Dda

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, la Dda chiude l’inchiesta: c’è Tallini. Ulteriori indagini su Grande Aracri (NOMI)

LEGGI ANCHE | ‘Ndrangheta, duro colpo alla cosca Grande Aracri: 19 arresti (NOMI)

LEGGI ANCHE | Tutte le accuse a Tallini: dal sostegno dei Grande Aracri all’assunzione del figlio

LEGGI ANCHE | L’ascesa di Tallini: da consigliere comunale a presidente del Consiglio regionale

LEGGI ANCHE | Operazione FarmaBusiness, arrestato il presidente del Consiglio regionale Tallini

LEGGI ANCHE | Riciclaggio in farmaci di proventi mafiosi, 25 gli indagati (NOMI-VIDEO)

LEGGI ANCHE | ‘Ndrangheta: l’ascesa della cosca Grande Aracri fra traffici e omicidi

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, il Riesame su Scozzafava: “È un mafioso, deve restare in carcere

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, il summit intercettato e il ruolo di Tallini

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, Scozzafava resta in carcere. La Cassazione: “In affari con i Grande Aracri”

LEGGI ANCHE | Farmabunisess, Tallini: “Sono innocente, la Procura ha preso abbaglio

LEGGI ANCHE | Farmabusiness:  “il grande elettore di Tallini e la figura dell’ex primario del Gemelli

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, la Dda in Cassazione contro Tallini: “Sapeva del contesto criminale”

LEGGI ANCHE | Farmabusiness: bocciato il ricorso della Dda, il consigliere Tallini resta libero

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, ombra del clan su appalti e il ruolo del tecnico della Provincia di Catanzaro

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, intrecci tra ‘ndrangheta e politica:”Il consigliere comunale e i favori al clan”

LEGGI ANCHE | Farmabusiness, il Riesame sull’avvocato Grande Aracri: “Reggono le accuse ma i reati sono datati”

LEGGI ANCHE | La Dda sulle tracce dell’impero di Grande Aracri: “Duva l’haju tutti sti miliardi? I sordi su finiti”

LEGGI ANCHE |La farsa di Grande Aracri e l’astuzia di Gratteri: “Non può prenderci in giro, lei non è un pentito”

LEGGI ANCHE | Il falso pentito Nicolino Grande Aracri e i verbali inattendibili, la Dda di Catanzaro: “Sminuisce le nostre accuse

LEGGI ANCHE | Duplice delitto a Vallefiorita, Grande Aracri fa i nomi dei killer e si discolpa: “N’amu lavatu i mani”

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved