Calabria7

Fase 2: dal 18 maggio riaprono bar, ristoranti e parrucchieri

bar ristoranti

“Con i negozi al dettaglio, coi bar, i ristoranti e la attività che sono caratterizzate da un rapporto fisico più intenso di quello che c’è rispetto alle attività che sono partite, licenzieremo i protocolli nelle prossime ore, poi ci saranno gli accordi con le parti sociali, e si ritornerà al lavoro da lunedì 18 in questa nuova normalità”.

“Tra 20 giorni misureremo gli effetti della riapertura, e lì dovremo essere molto attenti, perché le Regioni saranno responsabilizzate, cammineranno con le loro gambe, ma quelle gambe dovranno essere aiutate dall’attività di prevenzione e dall’app”. Lo ha detto il ministro per gli Affari Regionali, Francesco Boccia, ad un evento di formazione sulla app “Immuni” e sulla privacy organizzato dall’Ordine degli avvocati di Roma. Lo stesso ha aggiunto: “La app ‘Immuni’ entrerà, speriamo, nel sistema, nelle vene del Paese nelle prossime settimane. L’attività di tracciamento già la facciamo, solo che come per tutte le attività non digitali, la facciamo ‘a mano’. Il passaggio alla app è semplicemente il passaggio al digitale di un lavoro fatto a mano. Altrimenti sembra che si stia facendo chissà cosa”.

Fase 2: apertura Governo a Regioni. Ma si attendono dati Inail

Durante la video conferenza con le regioni il presidente del Consiglio Giuseppe Conte – riferisce un governatore – avrebbe preso atto della volontà delle regioni di una riapertura anticipata al 18 maggio, soprattutto per quanto riguarda il commercio al dettaglio e che, sulla base dei dati epidemiologici, le stesse regioni avranno più potere d’azione. In questi giorni – ha spiegato il premier, secondo quanto viene riferito – Inail e Cts faranno i protocolli che mancano per tutte le attività. “Il premier Conte – scrive anche il governatore Toti su twitter –  ha accolto la richiesta di autonomia delle Regioni nella gestione della Fase 2, avanzata nei giorni scorsi con una lettera dei governatori indirizzata al Premier. Dal 18 maggio si potranno quindi aprire le attività sotto la nostra responsabilità e in base alle esigenze del territorio. Il Governo farà le sue proposte che verranno integrate da quelle degli enti locali e insieme porteremo avanti il monitoraggio della situazione. Avanti con buon senso! Ripartiamo insieme” Le regioni potranno quindi riaprire dal 18 maggio commercio al dettaglio, centri estetici, parrucchieri, bar e ristoranti. Entro la settimana arriveranno i protocolli di sicurezza per i diversi settori, elaborati dal comitato tecnico scientifico e dall’Inail. Le linee guida del comitato tecnico scientifico riguarderanno anche altri comparti, come quello degli stabilimenti balneari. Il governo pero’ avra’ sempre la possibilita’ di intervenire con un lockdown selettivo nel caso in cui i dati epidemiologici dovessero peggiorare. Il ministro degli Affari regionali, Francesco Boccia, durante l’incontro tra il governo e le regioni ha spiegato – viene riferito – che ora si apre una nuova fase durante la quale sara’ necessaria la responsabilita’ di tutti.
Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Errori giudiziari 2018, a Catanzaro il primato d’Italia

manfredi

Covid, Speranza: “Entro l’estate saranno vaccinati tutti gli italiani che lo vorranno”

bruno mirante

L’associazione “Universo Minori” a Zagarise

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content