Calabria7

Fase 2, da Cosenza visiere gratis: si attende risposta Regione

Attiva Calabria

Il Fab City del Comune di Cosenza si è attivato per la realizzazione di alcuni dispositivi di protezione individuale eseguiti attraverso il funzionamento della stampante 3D, da tempo operativa all’interno dei locali della sede del Servizio Formazione lavoro, a cura della responsabile, Adriana Chiappetta.

Lo rende noto il Consigliere comunale Andrea Falbo, Delegato alle Politiche Attive del Lavoro. “A seguito dei contatti maturati in seno all’iniziativa promossa dal Fab Lab bresciano Isinnova per la produzione di valvole che convertono le maschere da snorkeling (fornite gratuitamente da Decathlon alla Protezione Civile Nazionale) in maschere respiratorie dell’emergenza per gli ospedali che ne abbisognano, – si legge in una nota – abbiamo allestito una rete attiva di solidarietà tra coloro che intendono fornire spontaneamente il proprio contributo, mettendo a disposizione le proprie stampanti 3D, al fine di fornire dispositivi di protezione individuale in favore dei nostri cittadini e lavoratori particolarmente esposti a rischio del contagio”.

“La proposta avanzata da Bruno Gioffrè dell’Istituto Nitti di Cosenza, volta alla realizzazione di una visiera protettiva in plexiglass, – continua la nota – si colloca quindi in un’ottica di implementazione dell’iniziativa con l’obiettivo di “fare rete” con le scuole del territorio e makers locali, coadiuvati da Filomena Celestino esperta digitale che, opportunamente coordinati, intendono offrire gratuitamente e spontaneamente il loro contributo, in sinergia con le istituzioni locali preposte al contrasto dell’epidemia del coronavirus”. Grazie ad un autofinanziamento, sono già stati realizzati un centinaio di questi dispositivi e l’idea è quella di proseguire in una produzione in larga scala.

“Il 18 Aprile abbiamo provveduto a trasmettere alla Protezione Civile Regionale il prototipo e le caratteristiche tecniche della visiera in plexiglass al fine di avere una valutazione di massima ed eventualmente ulteriori indicazioni tecniche – prosegue il comunicato – per essere messi nella condizioni di consegnare i dispositivi di protezione individuale alla comunità”. Non è ancora arrivata una risposta. E per questo Falbo adesso intende rivolgersi “direttamente alla Presidente della Regione Calabria, Jole Santelli, affinché solleciti un tempestivo riscontro degli uffici interessati, al fine di superare l’ostacolo in modo da poter procedere alla produzione di ulteriori 1000 visiere da fornire gratuitamente agli operatori sanitari (così come avviene in altre regioni) ed ai cittadini più esposti al contagio”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

A Cosenza inaugurata la nuova piazza Tommaso Campanella

Carmen Mirarchi

Attesa a Diamante e Soverato per “Dialoghi Mediterranei”

Matteo Brancati

Ospedale Corigliano-Rossano, lunedì la verifica dell’ ASP di Cosenza

nico de luca
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content