Calabria7

Fase 3, nuovo Dpcm: riaprono cinema e teatri. Ecco la data

riapertura cinema Dpcm Fase 3

Ecco le linee guida che verranno allegate al Dpcm che disciplina la Fase 3 da seguire alla riaperture dei cinema e dei teatri 

Accolta la richiesta delle associazioni di categoria sulle mascherine: non vi è obbligo di indossarle quando si è seduti nella sala del cinema. C’è tanta voglia di cinema dopo il lockdown per l’emergenza Coronavirus.

La visione di un film in sala è la prima cosa che vorrebbero fare 13 milioni di italiani, secondo un sondaggio di Facile.it. Un desiderio che potrà essere esaudito a partire dal 15 giugno, quando è prevista la riapertura delle sale dei cinema e dei teatri nel nostro Paese.

Massimo 200 spettatori al chiuso (fino a mille per gli spettacoli all’aperto), percorsi separati per entrata e uscita, elenco presenze.

Ecco alcune delle linee guida approvate dalla Conferenza Stato Regioni e che verranno allegate al Dpcm che disciplina la Fase 3.

Tra le regole da adottare inizialmente era previsto anche l’obbligo di mascherina pure da seduti al posto, ma successivamente sono state accolte le richieste delle associazioni di categoria.

Al cinema si potrà, dunque, andare con familiari e congiunti e stare seduti accanto, mantenendo il distanziamento da altri gruppi di persone e non vi sarà obbligo di indossare la mascherina quando si è seduti.

Tra le linee guida per la riapertura di cinema e teatri italiani c’è anche l’installazione di barriere fisiche alla cassa. Potranno essere aperti i punti ristoro all’interno delle strutture cinematografiche.

Frequente pulizia e disinfezione degli ambienti: ecco un’altra delle regole fondamentali che dovranno seguire i gestori di sale e teatri per la ripartenza.

La chiusura a causa del Covid-19 ha prodotto danni economici ingenti al settore. Ecco una stima delle perdite fornita dalla Siae e alcuni dati sulla crisi di cinema e teatri italiani forniti da SDA Bocconi.

In alcuni Paesi i cinema si sono già riorganizzati, dopo lo stop.  In Spagna, nonostante dal 25 maggio sia consentito riaprire anche al chiuso (ma al 30% della capacità e con prenotazione obbligatoria), gli operatori stanno puntando molto sul drive-in.

Nella capitale iberica ha riaperto il drive-in Autocine Madrid Race (nella foto): nel primo giorno di proiezioni ha accolto 200 clienti.

La capienza ridotta è una misura adottata anche nei Paesi che hanno già riaperto i cinema, come per esempio in questa sala di Bangkok, in Thailandia.

Pannelli divisori e dipendenti con mascherine alla biglietteria di un cinema di Tokyo, riaperto dopo il lockdown.

Al Berliner Ensemble, storico teatro della capitale tedesca, sono state rimosse alcune poltrone per rispettare il distanziamento di sicurezza fra gli spettatori.

Il teatro berlinese si è organizzato anche con spettacoli all’aperto

In Francia, dove le sale cinematografiche sono off-limits dal 14 marzo, le strutture al chiuso riapriranno il 22 giugno.

Si può ripartire anche a Hollywood. Le autorità di Los Angeles autorizzano da oggi 12 giugno la riapertura dei set di produzioni cinematografici e televisive, ma le sale di cinema rimarranno chiuse.

Le linee guida per le riprese prevedono tra l’altro di evitare il contatto fisico ravvicinato tra attori. Si prospetta così che le scene d’amore possano essere girate in computer grafica.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

La musica dell’Unione italiana ciechi e ipovedenti entra nel carcere di Catanzaro

Mimmo Famularo

Al via la 54° edizione del Settembre Rendese

Mirko

Vibo, il successo di fare teatro dove non c’è un teatro

nico de luca
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content