Calabria7

Fatture gonfiate per ottenere fondi pubblici, sequestrati oltre 373mila euro a una società crotonese

stretto hashish

Il tribunale di Crotone ha emesso, su richiesta della Procura, un sequestro preventivo nei confronti di una società crotonese attiva nel settore turistico alberghiero e nel commercio degli articoli sportivi, per aver indebitamente beneficiato di contributi europei tratti dal fondo Por Calabria Fesr 2007/2013 destinati al miglioramento ed all’ampliamento delle strutture ricettive esistenti. Il provvedimento è stato eseguito dalla Guardia di Finanza di Crotone.

Fatture gonfiate

I titolari della società, secondo le indagini,  attraverso l’utilizzo di false fatture emesse da compiacenti imprenditori operanti nel settore edile, hanno “gonfiato” le spese relative a lavori di ammodernamento e ristrutturazione di un albergo nella Sila crotonese, ottenendo dalla Regione Calabria (ente erogatore del finanziamento) fondi pubblici, per complessivi euro 1.221.825,00, dei quali euro 373.757,00 oggetto del citato provvedimento cautelare in quanto ritenuti profitto del reato. L’operazione odierna rappresenta la conclusione di una complessa attività d’indagine scaturita dall’approfondimento di 6 segnalazioni di operazioni sospette pervenute dalla Banca d’Italia, che ha consentito di disarticolare un sistema fraudolento ideato dai due fratelli amministratori della società in parola finalizzato all’ottenimento illecito di erogazioni pubbliche e segnalare, nel corso del 2019: – all’Autorità Giudiziaria ordinaria 9 soggetti, per il reato di truffa aggravata per il conseguimento di 5 finanziamenti pubblici destinati ad altrettante società operanti nel settore turistico, e 2 funzionari pubblici incaricati del controllo presso la Regione Calabria, per il reato false attestazioni rese nell’esercizio delle loro funzioni; – all’Autorità Giudiziaria contabile un danno erariale complessivamente quantificato in 1.912.519,00 euro, sono stati interessati, altresì, gli Enti pagatori (Regione Calabria ed Invitalia) i quali hanno provveduto alla revoca dei finanziamenti erogati. Con riguardo in particolare ai profili di natura contabile la Procura Regionale della Corte dei Conti di Catanzaro, nel giugno 2020, ha emesso nei confronti della società in argomento un provvedimento di sequestro conservativo che ha riguardato 14 beni immobili situati tra Crotone e Cotronei, conti correnti e quote societarie per un valore di euro 1.221.825,83. All’esito del processo di primo grado, nello scorso mese di marzo, i Giudici Contabili hanno condannato gli amministratori della società al pagamento alla Regione Calabria, a titolo di risarcimento, del danno erariale di euro 592.382,73.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Crotone, Vincenzo Voce:” Occorre affrontare con urgenza il problema stadio”

Giovanni Caglioti

Operazione Corvo, i legali di Parente: “Accuse inverosimili, pronti a chiarire”

Giovanni Bevacqua

Addio all’ematologo catanzarese Muleo, fondò il primo centro Emofilia in Calabria

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content