Calabria7

Femminicidio nel Cosentino, Sonia aveva trascorso la notte fuori casa

Trascorrere la notte fuori casa le è costato la vita. Ha usato un grosso coltello da cucina, Giuseppe Servidio, per uccidere la moglie Sonia Lattari, 42 anni, e lei avrebbe tentato disperatamente di difendersi. E’ quanto trapela dal primo esame della scena del delitto, a Fagnano Castello, in provincia di Cosenza, teatro dell’ennesimo femminicidio. Tra marito e moglie pare ci fossero da tempo dei contrasti per motivi di gelosia. Lui, chiamato “il corsicano” perché originario di Ajaccio, in Corsica, dopo l’ennesima lite l’ha colpita più volte all’addome. L’assassino avrebbe riferito agli inquirenti che la lite sarebbe scoppiata perché la moglie, ieri sera, non era rientrata a casa. L’uomo non è comunque conosciuto come un tipo violento. Ed è stato proprio lui, dopo l’omicidio, a telefonare al 112 e ad autodenunciarsi. Anche lui ha riportato delle ferite superficiali agli arti superiori, segno che c’è stata una colluttazione con la vittima. L’uxoricida è stato fermato per omicidio e trattenuto, al momento, nella caserma dei carabinieri a San Marco Argentano.

Disoccupato del Cosentino uccide la compagna a coltellate e aspetta i carabinieri

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, sale a 90 il numero di casi positivi in un comune del Catanzarese

Damiana Riverso

‘Ndrangheta nelle Preserre Catanzaresi, sei a giudizio (NOMI)

Gabriella Passariello

Dal dramma alle nuove elezioni, la Calabria torna al voto (ma decide sempre Roma)

Sergio Pelaia
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content