Ferrari si schianta contro un guardrail e prende fuoco sull’autostrada, due morti

Al momento dell'incidente l'asfalto era bagnato ed è probabile che la macchina super sportiva viaggiasse a forte velocità.

Due persone sono morte nello schianto della Ferrari su cui stavano viaggiando, in Piemonte, lungo la bretella stradale Ivrea-Santhià. In base a una prima ricostruzione la Ferrari ha urtato un guardrail subito dopo la galleria di Passo d’Avenco, quindi ha preso fuoco. Sul posto sono accorsi vigili del fuoco e operatori del servizio di soccorso 118. I corpi, sempre secondo le prime notizie, sono carbonizzati e l’identificazione si preannuncia complessa.

Secondo informazioni riportate dal quotidiano italiano “La Stampa”, l’auto viaggiava da Ivrea in direzione Santhià. Al momento dell’incidente l’asfalto era bagnato ed è molto probabile che la macchina super sportiva viaggiasse a forte velocità. Stando alle immagini dell’incidente, parti dell’auto (tranciata in due, come si evince dalle foto pubblicate dal portale obiettivonews) sono schizzate sul lato opposto della carreggiata. La parte anteriore del veicolo, con a bordo i due passeggeri, si è invece incastrata sotto il guardrail prendendo fuoco. Sempre secondo “La Stampa”, a bordo della Ferrari sedevano un uomo e una donna.

Secondo informazioni riportate dal quotidiano italiano “La Stampa”, l’auto viaggiava da Ivrea in direzione Santhià. Al momento dell’incidente l’asfalto era bagnato ed è molto probabile che la macchina super sportiva viaggiasse a forte velocità. Stando alle immagini dell’incidente, parti dell’auto (tranciata in due, come si evince dalle foto pubblicate dal portale obiettivonews) sono schizzate sul lato opposto della carreggiata. La parte anteriore del veicolo, con a bordo i due passeggeri, si è invece incastrata sotto il guardrail prendendo fuoco. Sempre secondo “La Stampa”, a bordo della Ferrari sedevano un uomo e una donna.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
Il gup nelle motivazioni della sentenza: "era a conoscenza dei rapporti tra 'ndrangheta e servizi segreti"
I genitori hanno scoperto casualmente un anno fa della malattia del figlio, dopo una serie di accertamenti
"Il mio ginecologo mi ricorda che devo controllare una cisti ovarica. Da lì parte uno tsunami. Risonanza, ricovero, operazione. Ciao ovaie"
Prende il posto di Bruno Trocini. Da giocatore ha indossato la maglia amaranto tra il 1988 e il 1990 ai tempi di Nevio Scala
I tempi? Appena la vice presidente Princi sarà proclamata in Europarlamento. Il governatore conferma: "Ho intenzione di alleggerirmi di alcune competenze"
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved