Calabria7

Festa battesimo finita nel sangue, indagini su tentato omicidio

Proseguono le indagini per il grave episodio di sangue accaduto a Cariati nel settembre scorso quando, durante un ricevimento per una festa di battesimo all’interno di un ristorante del luogo, si consuma l’aggressione ai danni del 43enne P.C., originario di Cirò e residente a Campana. L’uomo, raggiunto da tre colpi di coltello la cui lama rimane conficcata nell’addome dell’aggredito, di seguito viene trasferito e ricoverato in condizioni di urgenza e con prognosi riservata presso l’Ospedale Annunziata di Cosenza.

È accusato di tentativo di omicidio aggravato dai futili motivi A.A. di 33 anni, di Cariati, attualmente detenuto presso la Casa circondariale di Castrovillari a seguito di una ordinanza del GIP c/o il Tribunale di Castrovillari, e successivamente confermata dal Tribunale del Riesame di Catanzaro.

L’indagine è in mano al Pubblico ministero del Tribunale di Castrovillari Serracchiani il quale ha disposto presso la Polizia Scientifica – RIS di Messina l’espletamento di una seria di attività irripetibili volte alla esatta ricostruzione degli accadimenti. La persona offesa ha inoltre dato incarico di tutelare i propri interessi nel processo all’Avv. Ettore Zagarese.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Ridotta scorta al procuratore Manzini, Ferro (FdI) annuncia interrogazione

manfredi

‘Ndrangheta, Carvelli: condanna a 22 anni ma titolare di ristoranti

Mirko

Asp Cosenza, Sapia (M5s) chiede spiegazioni su organizzazione 118

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content