Calabria7

Festival di Spoleto, a giudizio l’ex governatore Oliverio e altri due (NOMI)

di Gabriella Passariello- Oltre 95 mila euro di fondi pubblici, destinati alla promozione turistica della Regione Calabria e spesi invece per finalità di sponsorizzazione politica, nell’ambito di un talk show “Hdrà Talk”- I dialoghi di Paolo Mieli” inserito a margine della manifestazione culturale “Il festival dei due Mondi” di Spoleto. Con l’accusa di peculato, il gup del Tribunale di Catanzaro, accogliendo la richiesta il sostituto procuratore della Repubblica di Catanzaro Graziella Viscomi, ha rinviato a giudizio l’ex governatore della Calabria Mario Oliverio, l’ex deputato del Pd Ferdinando Aiello e  Mario Luchetti, presidente del Cda di Hdrà spa, società con sede a Roma, operante nel settore della comunicazione e dell’organizzazione di eventi.

I singoli ruoli degli imputati

Aiello, considerato dalla Procura “l’istigatore e determinatore della condotta nonché in parte beneficiario dei fondi distratti”, avrebbe messo in contatto Oliverio con la Hdrà. L’allora governatore della Calabria avrebbe proposto l’adozione della delibera numero 244 del 14 giugno 2018 con la quale, era stata approvata una rimodulazione del Piano regionale di sviluppo turistico sostenibile, per effetto della quale “veniva inserita, fra le attività finanziate, la partecipazione della Regione Calabria alla manifestazione “Festival dei Due mondi in programma a Spoleto”, pur essendo fuorviante, per il pm titolare del fascicolo, il riferimento alla kermesse internazionale (visto che si trattava di un diverso format giornalistico) e la finalità sottesa. Luchetti, pur consapevole, per la Procura, che la Regione non avrebbe partecipato al Festival dei Due Mari di Spoleto, si sarebbe impegnato comunque in cambio del contributo in danaro. Inoltre con nota del 26 giugno 2018 protocollata al Siar regionale “artatamente-scrive la Procura- usa la dicitura Festival dei Due mondi- incontro di Paolo Mieli”, per richiedere un’anticipazione del 50 % della somma richiesta, laddove si trattava di due manifestazioni diverse”.

Risorse pubbliche per fini personali

Secondo le ipotesi accusatorie, in realtà, l’evento finanziato era un format giornalistico svoltosi a margine del festival spoletino, nel cui contesto non venivano promosse le attività turistiche regionali, bensì si sarebbero realizzate le interviste tipiche di un talk show. I fondi pubblici sarebbero stati impiegati per finanziare la materiale organizzazione dell’evento giornalistico, inclusa l’ospitalità in alberghi e cena di gala di personalità del giornalismo e dello spettacolo, intervistate nel corso della manifestazione. I risultati delle indagini avrebbero consentito di ipotizzare che dietro l’uso del denaro pubblico per finalità di promozione turistica, si nascondesse il vero obiettivo, quello di usufruire dei fondi  al solo fine di promuovere il personaggio politico di Oliverio.

Il format “Hdrà Talk- I dialoghi di Paolo Mieli” 

Si tratta di interviste del giornalista Paolo Mieli, a cui il pubblico può partecipare gratuitamente. Gli incontri sono curati ed organizzati dalla società Hdrà spa che ne sostiene i costi ed “è qualcosa di differente dal “Festival dei due Mondi” di Spoleto, trattandosi di uno dei tanti eventi inseriti all’interno del cartellone ufficiale del Festival”. In una nota degli organizzatori, tra l’altro, viene rimarcato che la Fondazione Festival dei Due mondi ha negato alla società Hdrà la visibilità della Regione Calabria sui materiali del Festival, non ritenendolo opportuno, poiché “la promozione di un soggetto istituzionale qual è un ente territoriale come la Regione Calabria per una manifestazione come il Festival poteva essere fonte di equivoci e ambiguità”. Accuse che richiedono un approfondimento dibattimentale, ecco perché il gup ha deciso di mandare a processo i tre imputati.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Estorsioni e danneggiamenti nel Cosentino, 5 fermi

Andrea Marino

Settingiano, cittadina residente in Inghilterra dona cibo alla comunità

Matteo Brancati

Cardiochirurgia, nel 2018 al S. Anna di Catanzaro curati 783 pazienti

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content