FI: “No a federalismo che spezzerebbe in due l’Italia, prima i calabresi”

“Prima i calabresi. Lo diciamo a chiare lettere. Non permetteremo che gli interessi della nostra terra, il suo stesso futuro, vengano sacrificati sull’altare di una politica governativa strabica e ipocrita. Diciamo “no” a un “federalismo” che spezzerebbe in due l’Italia, colpendo inesorabilmente le Regioni più deboli come la Calabria, diciamo “si'” ad un “federalismo responsabile” che punti sull’efficienza e sulle capacità manageriali di ogni singola Regione”.

Lo si legge in un documento del Coordinamento regionale di Fi a firma della parlamentare On Jole Santelli.

Lo si legge in un documento del Coordinamento regionale di Fi a firma della parlamentare On Jole Santelli.

“Il Governo gialloverde – è scritto – si fermi e ragioni, prima di portare l’Italia sul baratro di una secessione “mascherata”, i cui effetti nel breve, nel medio e nel lungo termine sarebbero addirittura devastanti. Il Governo, prima di andare avanti lungo la strada degli accordi con le Regioni ricche del Paese, ascolti le Regioni meridionali e valuti le drammatiche conseguenze che avrebbe l’accettazione in toto delle richieste di Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna.

Questo irresponsabile e cinico processo porterà nel giro di un decennio l’Italia del Nord ad essere una delle aree più prospere d’Europa e il Sud dell’Italia una delle aree più depresse del Mediterraneo, con livelli di qualità della vita paragonabili ai Paesi del Maghreb. Non si vada avanti sulle intese con le Regioni del Nord senza avere prima costruito una rete di protezione per il Sud e in particolare per la Calabria, la Regione più esposta e fragile. Occorre, da subito, un grande piano infrastrutturale per il Meridione, a partire dall’esercizio in corso, in grado di recuperare sia pure in parte i ritardi nei settori chiave”.

Per Santelli “è inaccettabile che il “federalismo” parta su presupposti sbagliati, come l’ipotizzato regime transitorio basata sui costi storici.

E’ invece necessario che si definiscano i fabbisogni standard di ogni Regione allo scopo di assicurare a tutti i cittadini italiani gli stessi livelli essenziali. Non si tocchi la competenza esclusiva dello Stato in materia di istruzione perché’, così facendo, si frantumerebbe il diritto allo studio per tutti i ragazzi italiani, con un sistema scolastico a due velocità e un’inaccettabile discriminazione anche per i docenti impegnati nelle varie Regioni.

E, sempre a proposito di istruzione, esprimiamo solidarietà a tutti gli insegnanti calabresi, gravemente offesi dall’infelice battuta del ministro Bussetti, che ha colpito l’orgoglio di quanti ogni giorno portano avanti la loro missione in una condizione drammatica di insufficienza di organici e di strutture, in territori delicati e in alcuni casi a rischio.

Forza Italia, prosegue la nota, “si batterà per correggere la deriva secessionista del Governo gialloverde e per difendere i diritti dei cittadini meridionali e calabresi in particolare.

La strada maestra è quella indicata dal Consiglio Regionale della Calabria che ha sposato l’impostazione del Gruppo consiliare di Forza Italia.

Da un lato, diffidare il Governo ad andare avanti su un’impostazione che spezzerebbe in due l’Italia; dall’altro, un’iniziativa legislativa autonoma della Calabria che accetta la sfida per un federalismo responsabile, chiedendo norme di salvaguardia per recuperare il gap strutturale con il centro-nord e l’autonomia in materia di sanità, ambiente ed energie rinnovabili, turismo e beni culturali, mettendo alla prova i futuri Governi regionali sul terreno dell’efficienza.

La Calabria – conclude – può accettare la sfida dell’autonomia, ma solo a queste condizioni. Per noi vengono prima i calabresi”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved