Calabria7

Finalissima regionale del concorso Venere d’Italia: vince la 18enne Aurora Sanso

di Sara Spanò – Nella magnifica location di Montepaone lido presso il lido Pegaso beach si è conclusa l’ultima tappa del concorso nazionale Miss venere d’Italia giunta all’ottava edizione. Il concorso nasce dall’idea del fotografo Pietro Cortese di creare un nuovo format di concorso di bellezza che si discostasse dal concetto commerciale di “miss” e che di conseguenza valorizzasse la bellezza in senso artistico. La competizione si ispira a valori aulici, e riprende il nome della dea romana della bellezza, Venere, che etimologicamente deriva da venus che in latino significa amore, desiderio, bellezza, leggiadria, avvenenza. Il senso più puro della bellezza quella vera, autentica.

19 aspiranti Miss

Diciannove le aspiranti Miss che sono arrivate alla finalissima regionale interamente gestita dall’agente Tonino Fontanella e che nella serata di ieri hanno sfilato per aggiudicarsi la fascia per accedere alla fase nazionale. Tre le uscite in passerella: casual, elegante e costume da bagno. Le Miss indossavano gli abiti della boutique “CHARM” abbigliamento di Squillace lido, impreziositi dai gioielli del maestro e orafo Michele Affidato.

La giuria e la reginetta

Tanti gli ospiti a deliziare la serata meravigliosamente condotta dalla presentatrice Claudia Vega.
Dieci le fasciate che accedono di diritto alla finale nazionale che si terrà il 9 settembre nella splendida cittadina campana Napoli. Durante la serata le ragazze sono state accuratamente selezionate da un’attenta giuria composta da: Adriana Lopez scrittrice, Sara Spanò praticante avvocato ed ex Miss, Mirko Macrì dipendente A.O.P.C., Giuseppe Grande assessore al comune di Montepaone e presidente di giuria, Tiziana Pansino stilista Lametina e ideatrice del marchio “GIL” e in ultimo Conti Domenìco maresciallo in pensione.
Reginetta della serata è la diciottenne Aurora Sanso, che conquista il posto di prima classificata nella sua città natale .

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Processo “Ndrangheta stragista” a Reggio, la sentenza non esclude mandanti politici

Damiana Riverso

Catanzaro, termosifoni spenti in nuova scuola via Forni: ecco perché

manfredi

Positivo il servizio ristorazione dell’ospedale “Pugliese-Ciaccio”

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content