Finita la “fuitina” dei fidanzatini scomparsi a Santo Stefano: ritrovati a casa di un parente

I due ragazzi, un 15enne e una 16enne, hanno fatto ritorno a casa

Sono stati ritrovati a casa di un parente, dopo cinque giorni di ricerche, fidanzatini di Favara e Agrigento scomparsi dal giorno di Santo Stefano. Lo riporta il Giornale di Sicilia. Pare che i ragazzi, un 15enne e una 16enne, avessero messo in atto una fuitina. I genitori e i familiari, preoccupati per la loro assenza, avevano presentato denuncia ai carabinieri. I due giovani stanno bene e hanno fatto ritorno a casa. Del caso di occupa la Procura dei minori di Palermo.

La vicenda

La vicenda

 I genitori di un ragazzo di 15 anni di Favara e di una ragazza di 16 anni di Agrigento il giorno di Santo Stefano avevano presentato una denuncia, segnalando la scomparsa dei figli. Immediatamente, i carabinieri avevano avviato le ricerche in tutta la provincia di Agrigento e ascoltato le testimonianze di familiari e amici per ritrovare i due ragazzi.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il pubblico ministero non aveva chiesto la condanna o l’assoluzione per maltrattamenti in famiglia ma il giudice aveva già deciso
Chi viene sorpreso al volante con lo smartphone in mano avrà la patente sospesa per una settimana se su questa ci sono almeno 10 punti
Il cane sarebbe scappato da una casa approfittando del cancello aperto: non sarebbe il primo episodio di aggressione
A seguito delle querele sporte dagli automobilisti coinvolti, la polizia ha individuato la donna e l'ha denunciata
L’uomo, un assistente capo coordinatore del Corpo di polizia penitenziaria, lavorava nel servizio a turno ed era stato anche aggredito 4/5 anni fa
"Il governo Meloni - ha detto la sottosegretaria - imprime una forte accelerata alle attività messe in campo per sottrarre al degrado una delle zone più critiche sotto il profilo ambientale"
Il generale dovrà spiegare ai pubblici ministeri che cosa accadde quando era il rappresentante della Difesa in Russia
Lo scopo è quello di evitare la commissione di reati più gravi da parte di persone ritenute socialmente pericolose
Una riunione formale, diversi punti tracciati e soprattutto tante nuove iniziative da proporre
"Qualora dovesse paventarsi un’intenzione seria che vada in quella direzione - afferma Comito - siamo pronti ad attivarci in ogni sede"
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved