Fondi russi alla Lega, la Procura di Milano chiede l’archiviazione

Coinvolte sei persone - tre italiani e tre russi - che avrebbero trattato un ingente affare petrolifero
fondi russi lega

La Procura di Milano ha chiesto l’archiviazione per le sei persone – tre italiani e tre russi – che, accusate di corruzione internazionale, attorno a un tavolino dell’hotel Metropol di Mosca nel 2018 avrebbero trattato un ingente affare petrolifero. La richiesta, stando a quanto confermato da fonti giudiziarie, è firmata dai pm Giovanni Polizzi e Cecilia Vassena e vistata dal procuratore aggiunto Fabio De Pasquale. E ora dovrà essere valutata.

L’istanza – riporta l’ANSA – riguarda l’ex portavoce di Matteo Salvini e presidente dell’associazione LombardiaRussia Gianluca Savoini, l’avvocato Gianluca Meranda e l’ex bancario Francesco Vannucci, tutti indagati per corruzione internazionale. Al centro dell’indagine, passata per rogatorie anche in Russia (ma senza risposta delle autorità di Mosca), c’era una presunta trattativa, avvenuta all’hotel Metropol di Mosca con un incontro del 18 ottobre 2018, tra i tre indagati e altrettanti presunti intermediari russi su una compravendita di petrolio che, stando ad una registrazione audio, avrebbe dovuto avere lo scopo di alimentare con 65 milioni di dollari le casse della Lega. Trattativa non andata a buon fine (non trovate tracce di passaggi di denaro) della quale esiste un file audio agli atti della Procura e prima finito sul web.

L’istanza – riporta l’ANSA – riguarda l’ex portavoce di Matteo Salvini e presidente dell’associazione LombardiaRussia Gianluca Savoini, l’avvocato Gianluca Meranda e l’ex bancario Francesco Vannucci, tutti indagati per corruzione internazionale. Al centro dell’indagine, passata per rogatorie anche in Russia (ma senza risposta delle autorità di Mosca), c’era una presunta trattativa, avvenuta all’hotel Metropol di Mosca con un incontro del 18 ottobre 2018, tra i tre indagati e altrettanti presunti intermediari russi su una compravendita di petrolio che, stando ad una registrazione audio, avrebbe dovuto avere lo scopo di alimentare con 65 milioni di dollari le casse della Lega. Trattativa non andata a buon fine (non trovate tracce di passaggi di denaro) della quale esiste un file audio agli atti della Procura e prima finito sul web.

La Procura aveva chiesto alle autorità russe di poter ascoltare a verbale alcune persone, tra cui i presunti intermediari identificati (all’incontro al Metropol avrebbero partecipato Ilya Andreevich Yakunin, Andrey Yuryevich Kharchenko, quest’ultimo ex agente dei servizi segreti e entrambi legati, pare, all’ideologo di estrema destra Aleksandr Dugin e a Vladimir Pligin, politico vicino al presidente Vladimir Puti, e inoltre Yury Burundukov, che sarebbe legato all’oligarca Konstantin Malofeev). La richiesta è rimasta senza risposta. Dopo tre proroghe indagini e dopo la scadenza dei termini per indagare è arrivata la richiesta di archiviazion

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Un velista spagnolo disperso e due diportisti soccorsi da Guardia Costiera a Roccella Ionica e Crotone
Era stato rilasciato dal carcere di Vibo con l'obbligo di dimora ma aveva fatto perdere le proprie tracce
Si tratta dell'indagine della Procura di Vibo sui rifiuti smaltiti illecitamente nei terreni agricoli. Undici gli indagati
Il suo movimento “Sud chiama Nord” accanto al candidato a sindaco di Centro Francesco Muzzopappa
La Corte di assise di Catanzaro spiega, nel motivare la sentenza, le ragioni dell'esclusione dei futili motivi e della premeditazione
Entrambi erano finiti a processo dopo una denuncia presentata dalla minoranza nel 2020. Il Tribunale di Vibo: "Il fatto non sussiste"
Superficie di 10mila metri quadrati modificata in maniera permanente tramite terrazzamenti alti più di 20 metri
L'appello a Occhiuto da parte dei cardiopatici. L’equipe medica dello Jazzolino va messa nelle condizioni di poter effettuare anche interventi di rivascolarizzazione
Epicento a quattro chilomentri a Sud di Cittanova. La scossa è stata avverita distintamente dalla popolazione
"Nessun ordine di allontanamento è giustificabile per l'unica imbarcazione che ha adempiuto al dovere assoluto di soccorso in mare"
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved