Calabria7

Frode nel Reggino, sequestro beni per 130.000 euro a noto imprenditore

evasori nel vibonese

Sequestrati beni per 130.000 euro, dalla Guardia di Finanza di Reggio, ad un imprenditore di Villa San Giovanni (RC), rappresentante legale di una società operante nel settore della lavorazione del legno.

Il provvedimento è frutto di indagini, coordinate dal procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Gerardo Dominijanni e dirette dal sostituto procuratore Nicola De Caria, che avrebbero consentito di accertare a carico dell’indagato la violazione del reato di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti.

L’indagine avrebbe permesso di ricostruire una frode fiscale organizzata dall’amministratore legale dell’impresa, il quale ha utilizzato fatture per operazioni inesistenti al fine di frodare il fisco, annotando nella contabilità e poi riportando nelle dichiarazioni annuali fatture d’acquisto apparentemente emesse dalle ditte fornitrici, ma in realtà da lui stesso prodotte, per un ammontare complessivo di oltre 327.000 euro i cui importi, indicati nelle dichiarazioni annuali presentate, hanno determinato un illecito risparmio di imposte per un totale di quasi 130.000 euro. Da qui il sequestro per un importo equivalente all’imposta evasa. di disponibilità finanziarie liquide e beni mobili direttamente riconducibili all’indagato per la totalità dell’importo oggetto di sequestro.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Canna di fucile modificata, un arresto nel Reggino

manfredi

Furto nel reparto di Radioterapia all’ospedale di Reggio: “Gesto vile contro la città”

Damiana Riverso

Regionali, Nucera in tour elettorale per la Calabria

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content