Fucile a canne mozze trovato dalla Polizia in un casolare nel Vibonese: era stato interrato

Un uomo arrestato in flagranza di reato. Il Tribunale di Vibo ha disposto nei suoi confronti l'obbligo di dimora e di firma

Nel corso di mirati servizi della Polizia di Stato dedicati al contrasto del traffico di armi clandestine,
il personale della Squadra Mobile di Vibo Valentia ha sottoposto a perquisizione personale e locale un uomo sospettato di detenere armi in un terreno nella sua disponibilità.

Gli investigatori, con l’ausilio di personale dell’Unità Cinofila dell’U.P.G. e S.P. della Questura, si
sono, quindi, recati nella prima mattinata presso un casolare sito in San Gregorio d’Ippona, in provincia di Vibo, in uso al sospettato e da questi adibito all’allevamento domestico di animali ed al ricovero di attrezzi da lavoro. Dopo aver perquisito tutti i locali del sito, gli uomini della Squadra Mobile, non demordendo nella ricerca, hanno iniziato a controllare se delle armi da fuoco potessero essere state interrate nel pertinente fondo, posto che lo stesso, in alcuni punti, presentava degli elementi di discontinuità.

Gli investigatori, con l’ausilio di personale dell’Unità Cinofila dell’U.P.G. e S.P. della Questura, si
sono, quindi, recati nella prima mattinata presso un casolare sito in San Gregorio d’Ippona, in provincia di Vibo, in uso al sospettato e da questi adibito all’allevamento domestico di animali ed al ricovero di attrezzi da lavoro. Dopo aver perquisito tutti i locali del sito, gli uomini della Squadra Mobile, non demordendo nella ricerca, hanno iniziato a controllare se delle armi da fuoco potessero essere state interrate nel pertinente fondo, posto che lo stesso, in alcuni punti, presentava degli elementi di discontinuità.

Si è proceduto, quindi, ad operare delle escavazioni sia manualmente che con l’ausilio di personale dei Vigili del Fuoco del Comando Provinciale di Vibo Valentia, fatto intervenire, in ragione della vastità dell’area, con mezzo meccanico attrezzato per l’escavazione. A circa 1 metro di profondità è stato rinvenuto un involucro metallico tipo canna fumaria, abilmente sigillato, al cui interno era stato occultato un fucile c.d. “canne mozze” e svariate cartucce dello stesso calibro. L’alterazione dell’arma, attraverso l’accorciamento delle canne è una pratica comunemente utilizzata per realizzare una maggiore occultabilità o una facilità di uso o di porto.

Arresto convalidato e tripla misura cautelare

Sulla scorta di quanto emerso dall’attività di polizia giudiziaria, esperita sotto il coordinamento della
Procura della Repubblica di Vibo Valentia, l’uomo è stato tratto in arresto in flagranza di reato e,
dopo la convalida, è stato sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora con obbligo di
permanenza domiciliare dalle ore 21.00 alle ore 6.00, nonché l’obbligo di presentazione quotidiana
all’Ufficio di P.G. competente per territorio.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved