Furti e rapina a Isola Capo Rizzuto, svolta nelle indagini: arrestati i tre presunti autori

Identificati i presunti responsabili di una rapina a un'attività commerciale e di numerosi furti compiuti tra gennaio e febbraio

Nelle prime ore di questa mattina, a Isola Capo Rizzuto , i Carabinieri della locale Tenenza hanno eseguito dei provvedimenti cautelari nei confronti di persone ritenute responsabili, in particolare, della rapina a mano armata commessa il 13 marzo scorso ad Isola, in danno di un’attività commerciale, e di numerosi furti perpetrati nei mesi di gennaio e febbraio 2024 nello stesso territorio, ai danni di attività commerciali e privati cittadini.

Tra i vari episodi, ricostruiti dai carabinieri, per i quali sono stati emessi gli odierni provvedimenti dall’Autorità Giudiziaria Crotonese, emergono un furto all’interno dell’ufficio demografico del comune di Isola Capo Rizzuto, dal quale era stato sottratto il denaro presente all’interno dei distributori automatici, commesso nello scorso mese di febbraio, la rapina già menzionata e i furti di utilitarie commessi tra gennaio e febbraio scorsi. L’opera certosina e scrupolosa di ricostruzione delle tracce e degli elementi dei vari episodi delittuosi effettuata dai carabinieri ha consentito di attribuire le responsabilità dei fatti a: F.C., classe 1987, residente ad Isola Capo Rizzuto, per il quale è stata disposta la misura della custodia cautelare in carcere; G.L., classe 1964, residente ad Isola Capo Rizzuto, e M.P., classe 1963, residente ad Isola Capo Rizzuto, per i quali sono stati disposti gli arresti domiciliari, che hanno concorso con il primo nei vari episodi a vario titolo.

Tra i vari episodi, ricostruiti dai carabinieri, per i quali sono stati emessi gli odierni provvedimenti dall’Autorità Giudiziaria Crotonese, emergono un furto all’interno dell’ufficio demografico del comune di Isola Capo Rizzuto, dal quale era stato sottratto il denaro presente all’interno dei distributori automatici, commesso nello scorso mese di febbraio, la rapina già menzionata e i furti di utilitarie commessi tra gennaio e febbraio scorsi. L’opera certosina e scrupolosa di ricostruzione delle tracce e degli elementi dei vari episodi delittuosi effettuata dai carabinieri ha consentito di attribuire le responsabilità dei fatti a: F.C., classe 1987, residente ad Isola Capo Rizzuto, per il quale è stata disposta la misura della custodia cautelare in carcere; G.L., classe 1964, residente ad Isola Capo Rizzuto, e M.P., classe 1963, residente ad Isola Capo Rizzuto, per i quali sono stati disposti gli arresti domiciliari, che hanno concorso con il primo nei vari episodi a vario titolo.

Finisce, di fatto, per i cittadini di Isola e Crotone, un periodo che era stato turbato dai frequenti episodi predatori, che avevano segnato di frequente le nostre cronache. F.C., nella circostanza, è stato raggiunto anche da una misura custodiale perché ritenuto responsabile, in seguito agli elementi raccolti ancora una volta dai carabinieri della Tenenza di Isola Capo Rizzuto, di atti persecutori e danneggiamento di un’auto, commessi nei mesi scorsi. Al termine delle formalità, i soggetti menzionati sono stati accompagnati rispettivamente presso il carcere di Crotone e i rispettivi domicili.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved