Furti su auto e denaro prelevato dalle carte bancomat rubate: due arresti a Reggio

I carabinieri eseguono ordinanza di misura cautelare nei confronti di due residenti del quartiere di Arghillà

I Carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare personale, di cui una in carcere ed una agli arresti domiciliari, nei confronti di due soggetti residenti nel quartiere di Arghillà, di età compresa tra i 32 e i 42 anni, accusati, a vario titolo, dei reati di tentato furto aggravato di autovettura, furto aggravato su autovettura e indebito utilizzo di strumenti di pagamento diversi dai contanti, commessi nei comuni di Reggio Calabria, Villa San Giovanni e Rossano.

Il provvedimento trae origine dalle plurime denunce sporte dalle vittime presso le diverse Stazioni Carabinieri ed uffici della P.S. nel periodo compreso tra i mesi di giugno e novembre del 2023. L’attività di indagine, coordinata dalla locale Procura della Repubblica di Reggio Calabria – diretta dal Dott. Giovanni Bombardieri – ha permesso di interrompere una serie di odiosi reati contro il patrimonio perpetrati nei confronti di cittadini inermi. Le investigazioni condotte hanno consentito di portare alla luce il consolidato modus operandi adottato dai malviventi, il quale iniziava con l’individuazione dei veicoli oggetto della loro attenzione criminale. In seguito, in caso dell’assenza del legittimo proprietario, gli stessi procedevano ad infrangere uno dei finestrini dell’auto al fine di introdursi nell’abitacolo e sottrarre gli effetti personali dello stesso; diversamente, nel caso in cui il titolare del veicolo fosse stato presente – ma distratto perché impegnato in altre incombenze – i malviventi approfittavano di tale disattenzione per asportare borse, zaini o portafogli riposti temporaneamente sui sedili per poi allontanarsi repentinamente.

Il provvedimento trae origine dalle plurime denunce sporte dalle vittime presso le diverse Stazioni Carabinieri ed uffici della P.S. nel periodo compreso tra i mesi di giugno e novembre del 2023. L’attività di indagine, coordinata dalla locale Procura della Repubblica di Reggio Calabria – diretta dal Dott. Giovanni Bombardieri – ha permesso di interrompere una serie di odiosi reati contro il patrimonio perpetrati nei confronti di cittadini inermi. Le investigazioni condotte hanno consentito di portare alla luce il consolidato modus operandi adottato dai malviventi, il quale iniziava con l’individuazione dei veicoli oggetto della loro attenzione criminale. In seguito, in caso dell’assenza del legittimo proprietario, gli stessi procedevano ad infrangere uno dei finestrini dell’auto al fine di introdursi nell’abitacolo e sottrarre gli effetti personali dello stesso; diversamente, nel caso in cui il titolare del veicolo fosse stato presente – ma distratto perché impegnato in altre incombenze – i malviventi approfittavano di tale disattenzione per asportare borse, zaini o portafogli riposti temporaneamente sui sedili per poi allontanarsi repentinamente.

Nel caso in cui la refurtiva comprendesse anche carte di pagamento tipo “bancomat”, i predetti completavano la propria azione criminosa recandosi presso il più vicino istituto di credito al fine di prelevare, fraudolentemente, quanto più denaro possibile, incrementando, di fatto, il danno cagionato alle vittime. In alcune circostanze, inoltre, i due uomini hanno anche tentato di rubare le autovetture coinvolte nelle predette azioni criminose, forzandone il blocco di accensione e sostituendo la centralina delle stesse.  Uno degli episodi su cui ha proceduto l’Arma ha riguardato anche il territorio di Gallico Marina, area già interessata da eventi delittuosi di natura predatoria, ragione per la quale erano pervenute numerose segnalazioni alla Stazione competente per territorio.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Confermato l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Francesco Putortì, indagato per omicidio e tentato omicidio
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved