Calabria7

Fusione tra Mater Domini e Pugliese a Catanzaro: “Stop a campanili e personalismi”

“La situazione sanitaria in Calabria, dopo 12 anni di commissariamento, è talmente drammatica che solo un credibile progetto di riforma globale dell’assistenza sanitaria regionale, territoriale ed ospedaliera, ne potrà risollevare le sorti. In quest’ottica diventa strategica l’integrazione tra l’Azienda Ospedaliera Pugliese- Ciaccio e l’Azienda Ospedaliera Universitaria Mater Domini, sulla falsa riga di quanto già avviene in altre regioni italiane, in cui esistono modelli di aziende integrate eccellenti”. E’ quanto sostiene Giuseppina Iemma, componente del coordinamento provinciale del Partito democratico di Catanzaro, secondo la quale l’obiettivo deve essere quello di creare anche nel capoluogo di Regione un sistema assistenziale, formativo e di ricerca efficiente ed efficace, nel quale l’Ospedale hub e l’unica Facoltà di Medicina della Regione, si integrano, secondo le rispettive vocazioni. “Apprezzabile, dunque, l’iniziativa del Presidente della Giunta Occhiuto e del Presidente del Consiglio Mancuso, tenutasi alla presenza dei rappresentanti del mondo universitario, di riavviare – sottolinea la Iemma – il discorso sull’integrazione tra le due aziende ospedaliere cittadine”.

“No alla logica dei campanili e dell’autoreferenzialità”

L’esponente del Partito democratico si è soffermata sulla mancata presenza al vertice istituzionale di rappresentanti dell’Azienda ospedaliera “Pugliese-Ciaccio”. “Desta molto stupore l’assenza all’incontro istituzionale di una delle parti in causa, mancando, almeno da quanto riportano gli organi di stampa, gli esponenti dell’Azienda Ospedaliera Pugliese-Ciaccio. Per riparare ai danni fin qui prodotti – osserva – nella sanità calabrese, abbiamo bisogno di uscire fuori dalla logica dei campanili, dei personalismi e dell’autoreferenzialità. Per tale motivo non è accettabile l’esclusione dell’Azienda Ospedaliera Pugliese-Ciaccio dal confronto sull’integrazione tra le due aziende ospedaliere, nemmeno nelle fasi preliminari, come non risulterebbe proficuo aprire tavoli di trattativa separati Ospedale/Università. L’integrazione è un processo complesso, che deve nascere e consolidarsi attraverso la sinergia di tutti gli attori coinvolti (amministrazioni regionale, Enti Locali, Ospedale, Università), l’equilibrata definizione di ruoli e responsabilità, secondo il principio della pari dignità e pari rappresentatività, il cui fine ultimo deve essere quello di garantire ai cittadini un’offerta sanitaria e formativa moderna e competitiva”.

L’auspicio della Iemma

“Un’impostazione del processo di unificazione aziendale imparziale, nel rispetto delle singole funzioni istituzionali, consentirà di rafforzare, in tutta la regione, il ruolo della già prestigiosa Facoltà di Medicina dell’Università Magna Graecia e delle sue importanti Scuole di Specializzazione. Al tempo stesso, permetterà di valorizzare la funzione dell’Ospedale Pugliese-Ciaccio, che, pur affrontando quotidianamente le urgenze e le emergenze provenienti da tutta l’area centrale della Calabria, eroga irrinunciabili servizi di alta specialità. L’auspicio, pertanto, è che al prossimo incontro istituzionale sull’unificazione delle due aziende ospedaliere del capoluogo vengano invitati tutti gli attori interessati, senza preclusioni e/o esclusioni, nell’interesse precipuo dell’intera comunità calabrese”.

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Picchia ex compagna davanti al figlio minorenne, arrestato 43enne nel Catanzarese

Mirko

Coronavirus, secondo ‘0’ consecutivo nella casella dei positivi

Mirko

Catanzaro, fiaccolata nel segno del dialogo interreligioso

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content