Calabria7

Gaia riapre le sue porte con l’arte nel centro storico

gaia cs

Nell’anno in cui sembra che quasi tutte le profezie dei Maya si avverino solo Gaia può portare bellezza.

Per Gaia si intende la galleria d’arte indipendente e autogestita che da un anno anima il centro storico di Cosenza.

Il ritorno di Gaia venerdì 26 giugno

Portare arte e bellezza dove i palazzi crollano intorno con le istituzioni che non intervengono è la mission di Gaia che riparte dopo l’emergenza Covid con le sue attività.

Gaia torna con l’evento “Un’estate del terzo tipo – Incontri a distanza ravvicinata”. Il primo atto di questa serie di iniziative si terrà venerdì 26 giungo alle 18 in piazza Piccola a Cosenza Vecchia.

“Torniamo a rivivere le piazze e le strade del nostro Centro Storico, a stare insieme all’aperto, a sorridere – scrivono da Gaia – a fare quello che ci viene meglio, nel pieno rispetto di una situazione d’emergenza, certo, indebolita, ma, ancora, non terminata”.

‘Gaia scende le sue antiche scale e piomba giù in piazza, per regalarvi il rilassante imbrunire che tutti ci meritiamo”, scrivono ancora.

Il programma

Si parte alle 18 con “La casa”, Maria Canino legge un racconto di Marta Maddalon. Poi ultima chiamata per visitare l’allestimento della mostra Identitas con Ottavio Marino, Michele Tiberio, Niccolò De Napoli, Remo De Vico, Mella Riminizzo, Maira Marzioni, Diego Mazzei e Massimo Pastore Luciano

Alle 19 ParapenTrio live con Federico Mari, Luigi Greco e Francesco Borrelli.

Da Gaia fanno sapere che l’ingresso è rigorosamente gratuito, ma occorre prenotare, perché la balconata di Piazza Piccola può accogliere solo un numero limitato di persone, al fine di garantire la vostra sicurezza, nel pieno rispetto della nostra comunità.

Per prenotarsi all’iniziativa, che ha la grafica di Alessandro Aiello e il supporto degli ultrà Cosenza Vecchia 1989, bisogna chiamare ai numeri 3282207753 oppure 3200141887.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

A Cosenza musica e balli per dire no alla violenza contro le donne

manfredi

Covid-19, Pro Loco di Belcastro: “Necessario secondo ciclo di disinfezione”

Andrea Marino

Cosenza, Occhiuto immagina la città dell’epoca post-covid

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content