Gestione rifiuti non autorizzata, denunciata ditta di comune Catanzarese

gestioni rifiuti

I Carabinieri della Stazione di Borgia, nella serata del 5 febbraio, hanno deferito in stato di libertà un 56enne amministratore della azienda di gestione di rifiuti solidi urbani con l’accusa di attività di gestione di rifiuti non autorizzata.

Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio, i militari  notavano in un terreno di circa 500 metri quadrati, di proprietà comunale, la presenza di numerosi rifiuti solidi urbani spesso ancora impacchettati ed imbustati. Gli accertamenti immediatamente esperiti permettevano di chiarire che l’azienda di gestione dei rifiuti del Comune di Borgia utilizzava impropriamente quel terreno, peraltro sito nelle vicinanze dell’area autorizzata, quale deposito di rifiuti. I Carabinieri hanno quindi proceduto al sequestro dell’area e al deferimento in stato di libertà dell’amministratore della società.
Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio, i militari  notavano in un terreno di circa 500 metri quadrati, di proprietà comunale, la presenza di numerosi rifiuti solidi urbani spesso ancora impacchettati ed imbustati. Gli accertamenti immediatamente esperiti permettevano di chiarire che l’azienda di gestione dei rifiuti del Comune di Borgia utilizzava impropriamente quel terreno, peraltro sito nelle vicinanze dell’area autorizzata, quale deposito di rifiuti. I Carabinieri hanno quindi proceduto al sequestro dell’area e al deferimento in stato di libertà dell’amministratore della società.
Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
scirocco
La strategia della famiglia Minieri per abbattere i costi e aumentare i profitti sversando i rifiuti anche in mare
"Si sta raccontando una bugia. Quelle risorse e quei soldi oggi vanno spesi per dare gli ospedali e le cure alle persone che non ce li hanno"
L’iniziativa prende lo spunto dall’esaltante traguardo raggiunto dal primario Vincenzo James Greco che ha superato quota 1000 interventi di chirurgia laparoscopica colorettale
"La mia Giunta continuerà a vigilare e a investire sul miglioramento del sistema depurativo dei nostri Comuni e sulla tutela del nostro patrimonio naturale"
"Il mio appello - ha detto il sindaco di Catanzaro - è rivolto a tutte le tifoserie calabresi: isolate i violenti e i facinorosi"
Il pugno di ferro usato dalla Procura di Catanzaro è suonato come un campanello d’allarme per coloro che gestiscono il ciclo depurativo calabrese
Tutte le bottiglie sono andate esaurite durante la presentazione a Cosenza, nella sede dell'Ais con la presidente nazionale Daniela Mastroberardino
Secondo l'accusa, avrebbe assicurato una rete di protezione e comunicazione tra i vertici del clan per il quale si sarebbe reso parte attiva nella realizzazione del programma criminoso
Il principe ha avanzato la proposta durante un colloquio col presidente del Consiglio regionale, precisando che si tenga "ferma la denominazione geografica"
Secondo quanto appreso, il decesso sarebbe avvenuto per emorragia cerebrale dovuta a una caduta. Non sono però del tutto chiare le circostanze
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved