Gettonopoli al Comune di Catanzaro, caso archiviato per 4 consiglieri (NOMI)

Il gip accoglie la richiesta del pubblico ministero nell'ambito dll'inchiesta su presunte presenze fantasma e verbali farlocchi nelle Commissioni consiliari
futuro di catanzaro

Si chiude definitivamente il caso su quattro consiglieri comunali, originariamente coinvolti nell’inchiesta Gettonopoli, su presunte presenze fantasma a Palazzo De Nobili e su verbali farlocchi attestanti riunioni delle commissioni consiliari, senza che gli amministratori vi abbiano preso parte o partecipandovi solo a intermittenza rendendo di fatto impossibile lo svolgimento delle riunioni. Il gip del Tribunale di Catanzaro Teresa Guerrieri, ha accolto la richiesta del pubblico ministero Pasquale Mandolfino, disponendo l’archiviazione per Eugenio RiccioGianmichele Bosco, Nicola Fiorita e Demetrio Battaglia, che avevano deciso di farsi interrogare dal pm, titolare del fascicolo, fornendo la loro versione dei fatti ,“scagionati de plano” senza avvalersi del cosiddetto “saldo straccio”.  In particolare per quanto riguarda Riccio, i riscontri video della polizia giudiziaria, secondo il magistrato, hanno cristallizzato la sua presenza in orari che collimano grosso modo con quelli indicati nel verbale. Per Bosco deve considerarsi l’impossibilità di prosecuzione dell’azione penale, perché le accuse mosse nei suoi confronti non risultano provati per assenza del materiale videografico a riscontro e in un caso smentiti dal materiale difensivo prodotto.  Per Fiorita e Battaglia, secondo quanto scrive il magistrato, la loro presenza all’interno delle sedute va riconosciuta positivamente, come risulta dalle immagini delle telecamere: l’errore quindi è nei verbali che attestavano la loro assenza. Per altri 18 consiglieri, che non hanno inteso avvalersi dello strumento difensivo dell’interrogatorio per chiarire la loro versione dei fatti, la richiesta di archiviazione del pm è avvenuta per tenuità del fatto, previo pagamento delle cifre contestate, reato riqualificato rispetto alle originarie ipotesi di accusa che vanno dalla truffa aggravata al falso in atto pubblico (LEGGI). Alcuni di loro hanno chiesto, tramite i loro difensori, l’opposizione alla richiesta di archiviazione, mentre per altre dodici persone, tra consiglieri comunali e imprenditori, il magistrato ha chiesto il rinvio a giudizio e l’udienza preliminare inizierà il 24 giugno prossimo. (g. p.)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il messaggio di Elly Schlein, le frecciate al centrodestra ("solo selfie e dissesto") e la stoccata di Irto a Mangialavori: "Mance ai sindaci"
I carabinieri hanno avviato le indagini e non escludono la matrice dolosa dell'incendio. La macchine completamente distrutte
Oltre a Mariachiara Chiodo, nell'esecutivo regionale entrano anche Anna Pittelli, Pasqualino Mancuso e Luigi Muraca
"Il ministro Lollobrigida mi ha chiamato e mi ha detto che è preoccupato della messa a terra delle risorse Pnrr"
Tre persone sono state portate in carcere mentre altre sette sono agli arresti domiciliari. Disposto un sequestro per oltre cinque milioni di euro
"Necessario, tra l'altro, vigilare sugli scarichi a mare ed emanare se dovuto provvedimenti di divieto di balneazione"

La storia di Sherlock Holmes, un mito che non tramonta mai

"Le risorse ci sono e questa settimana sarò in Senato per l'approvazione definitiva del decreto Ponte" ha detto il ministro
Migliaia di visitatori, oltre trecento scuole (tra calabresi e piemontesi) in presenza e da remoto, illustri personalità, tutti rapiti da quello che è stato definito il migliore stand della fiera
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved