Calabria7

Gettonopoli Catanzaro, Cambiavento: “Ci dimetteremo ad oltranza”

censimento permanente catanzaro

“Non sappiamo se quella in atto al Comune di Catanzaro è una bufera che si placherà o si trasformerà in uragano, spazzando tutto.

Quel che è certo è che il primo soffio è partito dai nostri consiglieri di minoranza, i consiglieri di Cambiavento: Bosco e Fiorita. Le dimissioni annunziate ieri ed oggi rassegnate, sofferte ma necessarie, sono chiara risposta politica all’ormai conclamata immobilità dell’azione di governo cittadino.”

Comunicato Coordinamento Cambiavento 

“Una situazione che mortifica la città, peraltro pesantemente schiaffeggiata nelle più recenti trasmissioni televisive, e la rende di fatto priva di una trasparente e incisiva vita politica. Noi di Cambiavento, in sintonia con quanto sempre fatto, sosteniamo la scelta operata dai nostri consiglieri ed esprimiamo loro la più totale fiducia, consapevoli che la vicenda, seppur nei tempi necessari, sarà chiarita e risolta positivamente. Dopo che Bosco e Fiorita saranno ascoltati dai magistrati, nella prima metà di febbraio, terremo una pubblica assemblea per illustrare, per voce dei nostri consiglieri e carte alla mano, la situazione effettiva, e per raccontare ancora, rilanciandola, la nostra idea di politica al servizio della città.

Cambiavento è pronto a ripartire, con più forza e determinazione. La città ha ancor di più bisogno di voci chiare, responsabili; ha bisogno di speranza. Intanto, per dare forza, in maniera convinta, alla scelta politica effettuata dai nostri consiglieri, e nella certezza che questa consiliatura è giunta al termine, continueremo a dimetterci ad oltranza, fino all’ultimo dei candidati delle liste che hanno sostenuto Nicola Fiorita nelle passate elezioni.”

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Klaus Davi: Callipo buona opportunità per Calabria (SERVIZIO TV)

manfredi

Catanzaro, al Teatro Comunale il musical “Frozen…La regina delle nevi”.

Matteo Brancati

Denuncia i “soprusi” del Comune di Catanzaro via facebook, a processo

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content